coopsday2020

Il tema scelto per il CoopsDay 2020 dal Copac, il Comitato per la promozione e il progresso delle cooperative costituito tra ICA, ONU, FAO e ILO, è stato sintetizzato con l’hashtag #Coops4ClimateAction, le cooperative si attivano contro il cambiamento climatico.

“La crisi legata alla pandemia ha messo ancora più in evidenza le disuguaglianze sociali e gli squilibri ambientali che affliggono il pianeta. Per questo le cooperative, da tempo impegnate in azioni e progetti finalizzati a ridurre l’impatto ambientale delle loro attività, a salvaguardare le risorse e a ridurre gli sprechi, vogliono contribuire alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo economico nel segno della sostenibilità intesa come strumento di miglioramento delle condizioni di vita delle persone e di sviluppo dei territori, di resilienza delle comunità”.

Ad affermarlo è Mauro Lusetti, presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane (AGCI, Confcooperative, Legacoop), anche a nome dei copresidenti Maurizio Gardini e Giovanni Schiavone, in occasione della Giornata Internazionale delle Cooperative 2020 che si celebra il 4 luglio in tutto il mondo, dedicata, quest’anno, all’obiettivo 13 dell’Agenda ONU 2030, “Agire contro il cambiamento climatico”.

“Ora che la fase dell’emergenza è terminata -sostiene il presidente dell’Alleanza- è necessario cogliere positivamente il momento attuale per il rilancio e la ricostruzione del Paese nel segno dell’innovazione, di uno sviluppo sostenibile, inclusivo e cooperativo. Questa convinzione ispira il nostro documento “Ricostruire l’Italia cooperando, un piano nazionale della sostenibilità”, dove proponiamo interventi per un Green new deal fondato sulla promozione culturale e la realizzazione di una strategia nazionale per una economia realmente circolare, che incentivi consumi sani e responsabili”.

Michele Cappadona 24ott2018 b“La pandemia ci ha mostrato ancora una volta come, nonostante l’attuale livello scientifico e tecnologico, l’umanità sia ancora fragile e indifesa nei confronti della natura, e così precari i nostri sistemi sociali”, dice Michele Cappadona, presidente regionale dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane. “La ripartenza dopo l’emergenza sanitaria ci offre la possibile di programmare e sperimentare la costruzione di nuovi modelli di sviluppo sostenibile. L’Alleanza delle Cooperative ha disegnato il suo modello nel manifesto politico «Cambiare l’Italia cooperando» individuando cinque pilastri - Sostenibilità; Legalità; Innovazione; Lavoro, formazione ed equità; Welfare - declinati in 19 priorità operative.
I numeri dicono dicono che nel complesso, il movimento cooperativo conta oltre 13 milioni di soci e quasi 1 milione e 300mila occupati, di cui il 52,8% è donna. Realizza un giro d’affari aggregato pari a quasi 161 miliardi di Euro. L’Alleanza delle Cooperative italiane rappresenta, in termini economici, oltre il 93% del movimento cooperativo italiano e in termini occupazionali quasi l’85% dello stesso. Il 47% delle cooperative attive italiane ha sede nel Mezzogiorno.

Affinché il comparto cooperativo possa partecipare significativamente ad un nuovo sviluppo sostenibile - continua Cappadona -, occorre ridisegnare in coerenza le politiche nazionali attivando risorse, infrastrutture e incentivi di sostegno efficace verso il tessuto delle imprese così provato dall'emergenza, in particolare nel Sud e in Sicilia dove crisi e gap economico erano già gravi prima della pandemia. Si parla tanto del cosiddetto 'modello Ponte Morandi', traducendo in realtà l'esigenza di una modalità immediata per l'attivazione e gestione veloce di 'cantieri' che estensivamente assumono un significato molto più ampio per il rilancio dell'economia. Con questa accezione auspichiamo l'apertura di 'cantieri di settore' per lo sblocco di tutte le attività produttive di beni e servizi: quindi non solo edili, navali o infrastrutturali, ma anche cantieri culturali, cantieri agroalimentari, cantieri sociali. Una programmazione immediata della ricostruzione della nostra economia e della creazione di nuova occupazione secondo modelli di crescita rispettosa dell'ambiente, consapevole e sostenibile.”

Vanno in direzione di uno sviluppo sostenibile, inclusivo e cooperativo le proposte per accompagnare la transizione ecologica con strumenti premiali che ingenerino discontinuità, a partire dalla revisione della disciplina dei sussidi per l’ambiente, da regole chiare e stabili, armonizzate a livello europeo, dal sistema degli “appalti verdi”, dalla quantificazione e remunerazione dei servizi ecosistemici, da un sistema di impianti adeguati a concretizzare una cultura del riciclo e riuso diffusa tra i cittadini e le imprese, imperniata sui principi di responsabilità sociale e accountability. Così come quelle relative ad un piano di manutenzione del territorio -che punti alla rigenerazione urbana delle aree interne e delle aree costiere, delle acque interne e dei mari in una logica ecosistemica, al contrasto del dissesto idrogeologico e alla prevenzione sismica- e all’opportunità di incentivare e promuovere le comunità ad energia rinnovabile, in linea con la sollecitazione europea di trasformare i cittadini da consumatori inconsapevoli a produttori e consumatori di energia, per ridurre gli sprechi, abbassare le bollette e tagliare le emissioni.

La Giornata internazionale delle cooperative, che si celebra il primo sabato di luglio, è stata istituita nel 1992 con la Risoluzione 47/90 dell’Assemblea Generale dell’ONU e coincide con International Cooperative Day dell’ICA (International Co-operative Alliance), che si celebra dal 1923.

Ariel Guarco, presidente ICA (International Cooperative Alliance), ha dichiarato per la Giornata Internazionale delle Cooperative 2020: “Come tutti sappiamo, oggi l’intera umanità è nel bel mezzo di una terribile pandemia, con un costo molto elevato di vite e una storica disfatta economica globale.
Ma guardiamo al contesto: stiamo vivendo una crisi sanitaria, sociale ed economica in condizioni estremamente fragili a causa delle disuguaglianze sociali prevalenti e del profondo squilibrio ambientale che le azioni umane hanno causato sulla nostra Madre Terra per molti decenni.
In linea con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, siamo stati avvertiti che un modo lineare di produzione e consumo senza ostacoli ci condurrà a un punto di non ritorno in un semplice decennio.
Dal 1990, le emissioni globali di biossido di carbonio sono aumentate del 50 percento. Oggi, 800 milioni di persone sono vulnerabili a gravi siccità, inquinanti atmosferici tossici, innalzamento del livello del mare e catastrofi naturali frequenti e potenti
Ecco perché voglio approfittare di questa Giornata internazionale delle cooperative per enfatizzare l’azione per il clima, un obiettivo che ci chiama a mobilitarci insieme alle nostre comunità per costruire un’economia più sana, più equa e più unita.
Su questo pianeta, la nostra casa condivisa, ci sono centinaia di migliaia di esperienze che dimostrano che ci sono davvero altri modi per noi di svilupparci, che lo sviluppo sostenibile non è un’utopia.

Su scala globale, l’economia cooperativa integra oltre un miliardo di soci e genera occupazione per il 10% della popolazione occupata nel mondo. Il fatturato delle 300 maggiori cooperative equivale al prodotto interno lordo della sesta economia mondiale.

Oggi, anche nelle circostanze più difficili, il movimento cooperativo sta facendo tutto il possibile per proteggere le comunità e aiutarle a superare questa emergenza sanitaria, sociale ed economica.
La difesa del nostro pianeta va di pari passo con il nostro sforzo collettivo in modo che nessuno venga lasciato indietro.
Le cooperative sono chiamate ad essere protagoniste nell’affrontare queste sfide, che stanno diventando urgenti sulla scia di questa pandemia di cui soffre il mondo intero.
Nonostante il dolore e l’incertezza che stiamo vivendo, la tragedia personale e collettiva che alcuni devono affrontare più direttamente di altri ma che riguarda tutti noi, voglio celebrare il lavoro che le cooperative stanno facendo in tutto il pianeta.
Tutti gli sforzi contano. Vi chiedo di non fermarvi, di continuare a lavorare insieme con la vostra comunità e di far sentire forte la vostra voce in questo giorno per dire al mondo che possiamo invertire gli effetti negativi dei cambiamenti climatici se costruiamo insieme un’altra economia, sulla base di dei valori e principi cooperativi”.

obiettivi SDG Agenda 2030