politiche ue pesca mediterraneo

Agci Agrital rende noto di aver firmato a Venezia, insieme a Federcoopesca, Legacoop Agroalimentare, Federpesca, Coldiretti Impresapesca, Unci Agroalimentare e ad altre organizzazioni europee, un manifesto sul regolamento Ue per la pesca demersale nelle acque del mediterraneo occidentale, che deve essere votato dalla plenaria del parlamento Ue in aprile.

Nel documento le organizzazioni affermano che "la proposta attuale, nonostante il grande lavoro svolto in sede di negoziato, continua ad essere difficilmente recepibile dal settore e a richiedere ulteriori sacrifici nonostante gli sforzi compiuti in questi anni per gestire in maniera più bilanciata lo sforzo di pesca".
Per tale ragione - prosegue il manifesto - i firmatari intendono "continuare ad impegnarsi e a lavorare con le amministrazioni ed il mondo della ricerca per una cogestione sostenibile delle zone di pesca, in modo da garantire un futuro non solo alle risorse ma soprattutto alle imprese e al lavoro".
“Le organizzazioni hanno altresì sottolineato ancora una volta l’assoluta necessità di definire appropriate misure finanziarie per far fronte alle conseguenze sociali ed economiche che deriveranno nei prossimi anni dall’applicazione dell'attuale piano", prosegue il documento, evidenziando che "purtroppo ad oggi tale supporto finanziario manca, sia in questo regolamento che nel nuovo Feamp, tutt’ora all’esame del parlamento europeo e del Consiglio dei ministri Ue".

Leggi il Manifesto

Il "territorio riconoscibile", identità e sviluppo: due giorni di open works promossi dal Gal Tirrenico

“Borghi e monti d’amare: tipico tirrenico siciliano”. Un’iniziativa del Gal Tirrenico promuove, nell’ambito del Psr Sicilia. SSLTP: un sistema di sviluppo integrato per un nuovo brand culturale, turistico e produttivo. Il 17 e 18 settembre 2020, nel territorio del GAL Tirrenico, ad Oliveri il 17 e a Furnari il 18, si terranno gli “Open Works”, due giorni di lavori aperti dedicati al territorio, alla sua riconoscibilità, alla sua identità tipicità, ai beni culturali, in definitiva al “Patrimonio Culturale Tipico Tirrenico Siciliano”... Continua

Decreto Rilancio, confidi 106 ancora più “banche”. In Sicilia, Confeserfidi pronto a erogare direttamente 120 mln alle Pmi

Il "Decreto Rilancio", da poco convertito in legge, trasforma di fatto i 32 confidi 106 vigilati da Banca d’Italia in soggetti "bancari" in grado di erogare ingenti finanziamenti diretti alle imprese. ConfeserFidi è già pronto a mettere a disposizione delle Pmi siciliane e italiane 120 mln di euro sotto forma di finanziamenti diretti o di fidejussioni o di acquisto crediti.Un’importante novità per le Pmi che abbiano bisogno di maggiore attenzione, velocità ed efficienza di risposta al bisogno di liquidità rispetto a... Continua

Cooperfidi, Dino Forini nuovo direttore generale del confidi per l’economia cooperativa

Cooperfidi Italia Società Cooperativa, con sede a Bologna, è il consorzio fidi di riferimento dell’economia cooperativa, del no-profit e del settore primario. Il consiglio di amministrazione di Cooperfidi Italia ha deliberato la nomina di Dino Forini a direttore generale che vanta una pluriennale e consolidata esperienza manageriale in ambito bancario maturata presso primari gruppi nazionali (Interbanca, Efibanca, Banco Popolare e Banca Regionale di Sviluppo) oltre a conoscere approfonditamente il sistema della cooperazione per essere stato negli ultimi anni Credit Manager di CCFS –... Continua