TeLiMar Addaura

La menzione speciale assegnata all’impresa cooperativa Telimar di Palermo nell’ambito del Premio IRCAC per la legalità, giunto all’VIII edizione, è un riconoscimento per l’aver saputo creare un’affermata realtà imprenditoriale e sportiva di livello nazionale partendo da un finanziamento proveniente dalla legge 37 sull’occupazione giovanile, interamente restituito dimostrando rispetto per le risorse pubbliche e le istituzioni. La Telimar - Tempo Libero Mare, società sportiva dilettantistica, aderisce sin dalla costituzione all'Associazione Generale delle cooperative Italiane - AGCI Sicilia.

La manifestazione quest'anno ha visto premiate le cooperative Progetto Olimpo e Pulcherrima Res, palermitane come la Telimar, mentre alla Primavera di Geraci Siculo e all’Arancia Rossa di Castiglia di Francofonte è stata assegnata una menzione speciale.
Questa ottava edizione si è svolta nella prestigiosa sede del parlamento regionale, ospitata dal presidente dell'Ars Ardizzone e ha avuto il patrocinio della Presidenza della regione Siciliana concesso dal presidente Crocetta.
Vincitori VIII Premio Legalita IRCACIl premio della legalità è stato aperto dal saluto del presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone, il quale ha sottolineato che per sconfiggere la mafia occorre agire sulle coscienze. "Ben venga- ha detto un Premio assegnato al coraggio di che continua a lavorare con onestà in una terra come la Sicilia, tanto bella e difficile".
I lavori sono stati coordinati dal commissario straordinario dell'Ircac Antonio Carullo che ha sottolineato come quest'anno il Premio sia dedicato alla necessità di "promuovere l'economia dell'onestà", come è stato sollecitato da papa Francesco nell'incontro delle scorse settimane con le cooperative. Carullo ha anche ricordato come il riconoscimento venga assegnato a cooperative che hanno saputo svolgere la propria attività nel rispetto del regole, opponendosi al malaffare e creando percorsi di legalità che ne fanno degli esempi da seguire. Nella sua relazione il vescovo di Monreale monsignor Michele Pennisi, che ha parlato su "La Chiesa Siciliana e le cooperative, strumento di sviluppo equo e solidale", ha ricordato il ruolo che proprio un sacerdote, don Luigi Sturzo, ha avuto nella crescita della cooperazione. "Non può esistere- ha detto il prelato- uno sviluppo economico privo di etica, perchè questo non permetterà la nascita di imprese sane".

La società cooperativa TeLiMar, è stata fondata nel giugno 1983 da un gruppo di giovani dediti alle attività sportive e nautiche, e nel dicembre 1985 ha ottenuto dalla Regione Siciliana un finanziamento per favorire l’occupazione giovanile finalizzato all’acquisto e ristrutturazione dell’ex ‘Circolo Tiro a Volo’, che ha messo la cooperativa in condizione di riqualificare uno stupendo tratto di costa lasciato in stato di abbandono, valorizzando le potenzialità della terra di Sicilia, coniugando le sue straordinarie peculiarità: territorio, mare e clima.
Da allora la Società TeLiMar ha sempre operato in tale direzione, effettuando un recupero funzionale conservativo del territorio, ampliando il proprio immobile, le proprie strutture ed attrezzature, avviando e consolidando una attività produttiva che oggi offre servizi di eccellenza alla collettività, garantendo stabilmente dei posti di lavoro e promuovendo le attività sportive, sia di base che di vertice. Il presidente dott Marcello Diliberti, legale rappresentante sin dalla costituzione della società, è componente del Consiglio direttivo dell'AGCI Sicilia.
Il TeLiMar, iniziativa esemplare, avendo sfruttato le reali vocazioni della terra di Sicilia, è oggi un accogliente e funzionale centro sportivo-ricreativo esteso 23.000 mq ubicato all’Addaura, in un incantevole tratto di litorale, a soli 7 minuti dal centro di Palermo.
Nel 2015, al suo ventisettesimo anno di attività, può contare sulla adesione di circa 2.200 iscritti, sulla partecipazione alle attività ludico-sportive di circa 500 bambini al di sotto dei dodici anni di età e di circa 200 atleti agonisti praticanti gli sport della pallanuoto, del nuoto e del canottaggio.
Marcello Giliberti Presidente TeLiMarL’attività societaria, all’inizio prevalentemente stagionale e focalizzata sullo sport e sulla balneazione, anche nell’ottica di destagionalizzare, si e’ nel tempo ampliata in ambito eno-gastronomico (con l’organizzazione di cene con Grandi Chef stellati e di numerose degustazioni, ormai rinomate nel settore, come Panelle&Champagne e Sorsi dell’Etna) ed in ambito culturale e sociale (con l’organizzazione di mostre, presentazione di libri, convegni etc.), eventi questi sovente correlati alla beneficienza a favori di storici partner come la LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, la ‘PIERA CUTINO ONLUS’ (per l’assistenza ai malati di talassemia), l’AISM (Associazione Italiana contro la Sclerosi Multipla), la Croce Rossa etc.
Il TeLiMar, aperto costantemente durante l’intero anno, è dotato di un’accogliente club-house, di aree riservate alla ristorazione estiva ed invernale, di ampi spazi attrezzati a verde, di numerosi locali spogliatoio, di un corner relax con sauna e bagno turco, di una vasca scuola nuoto, di una palestra accessoriata, di due campi sportivi polivalenti, di un parco giochi, di un attrezzato baby-club e di un ampio parcheggio.
Gli iscritti frequentano i locali sociali e le aree attrezzate, partecipano ai corsi sportivi, usufruiscono delle imbarcazioni sociali (canoe, tavole e barche a vela) e delle attrezzature della palestra, usufruiscono dei servizi di ristorazione (bar, buffet, pizzeria e ristorante), partecipano agli appuntamenti sociali (concerti musicali, appuntamenti di beneficenza, avvenimenti sportivi in diretta TV, etc.) ed all’attività di animazione organizzata (serate a tema, eventi di enogastronomia e tornei sportivi ed eventi a sfondo benefico) ed assistono infine interessati alle manifestazioni sportive organizzate dal sodalizio ed alle competizioni sportive a cui partecipano le squadre agonistiche del TeLiMar.
L’attività sportiva societaria si estrinseca attraverso la:
- Istituzione di campus e scuole di avviamento alle discipline sportive del canottaggio, del nuoto, della pallanuoto, della vela, della ginnastica, del calcetto e del tennis rivolte ai neofiti;
- Organizzazione di un centro di perfezionamento alle discipline sportive della pallanuoto, del nuoto e del canottaggio, rivolto ad atleti già formati, al fine di affinarne le potenzialità tecniche e fisiche;
- Partecipazione all’attività agonistica regionale, nazionale ed internazionale;
- Organizzazione di manifestazioni sportive.

pallanuoto mare telimar

Approvato un piano da 250 mln di euro per la valorizzazione della “Risorsa Mare” dei 9 comuni costieri del trapanese

  Attraverso lo strumento finanziario del Contratto Istituzionale di Sviluppo, il territorio si candida ad ottenere risorse fino a 250 milioni di euro, in un unico pacchetto di investimenti integrati. Nel corso dell’assemblea della  Fondazione “Torri e tonnare del litorale trapanese”, il 29 giugno  è stato approvato il documento preliminare  del piano di valorizzazione della “Risorsa Mare” dei comuni costieri della Sicilia Occidentale. I 9 Comuni Costieri del trapanese (Mazara del Vallo, Petrosino, Marsala, Paceco, Valderice, Custonaci, Trapani, Erice, San Vito Lo... Continua

Contro mafia, pizzo e usura, il manifesto di 15 associazioni d’imprese della Sicilia

  No all’usura, al pizzo, alla mafia. Un'iniziativa corale con cui gli imprenditori di 15 associazioni ripudiano l'illegalità e si impegnano a denunciare ogni rischio di infiltrazione criminale. Una massa critica di circa 90.000 imprese che scelgono di fare fronte comune contro ogni tipo di minaccia criminale e di rivolgersi, insieme, a tutte le imprese oggi in Sicilia, anche non associate. Un impegno forte in un momento – quello post Covid - in cui la fragilità del tessuto economico espone le imprese... Continua

Progetto See Sicily da 75mln di euro: Regione acquista servizi turistici dagli operatori e ne promuove la vendita

Turismo, ecco come funzioneranno i voucher della Regione Siciliana. Tavolo tecnico di confronto ieri tra l’assessore Manlio Messina e gli operatori. In via di definizione la procedura di attuazione del progetto See Sicily di promozione turistica, voluto dal governo Musumeci, che attraverso le risorse previste nella legge finanziaria regionale prevede, per favorire la ripresa delle attività turistiche e dell’occupazione dall’attuale periodo di crisi derivante dall’emergenza sanitaria Covid-19, che l’assessorato regionale del Turismo investa 75 milioni per l’acquisto anticipato di pacchetti di... Continua