gambero rosso di mazara, sicilia

Una tecnica messa punto grazie alla sperimentazione svolta all'interno di un progetto FEAMP, consente di conservare i crostacei senza l’utilizzo dei solfiti. Si punta ad una certificazione "solfito free".

Come da programma, a chiusura del progetto “Sviluppo di soluzioni innovative attraverso l’attivazione di servizi aggregati alle imprese ed il miglioramento del processo di conservazione del prodotto ittico”, mercoledì 22 maggio 2019 alle ore 10:00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia (via G. Marinuzzi, 3 Palermo), si terrà il convegno finale “Qualità e sicurezza alimentare nella filiera dei crostacei di profondità”.

Il progetto, finanziato nell’ambito della Misura 1.26 PO FEAMP 2014-2020, curato dal Dott. Calogero Di Bella, Responsabile Scientifico e Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri” (IZS Sicilia), ha come obiettivo la sperimentazione di una valida alternativa nel controllo della melanosi e dei processi di alterazione dei crostacei maggiormente pescati e commercializzati in Sicilia (gambero rosso, gambero rosa e scampi) utilizzando formulazioni innovative di conservazione (semi dell’acino dell’uva) al fine di tutelare la salute die consumatori e degli operatori del settore.

Le attività del progetto, svolte nell’arco di 18 mesi, hanno prodotto una serie di risultati che saranno presentati nel corso del convegno a cui parteciperanno Antonio Iozza, Responsabile Gestione Progetto, Stefano Vullo, Direttore Sanitario - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, Rosolino Greco, Dirigente Generale Dipartimento della Pesca Mediterranea - Regione Siciliana, Giuseppe Dimino, Dirigente Servizio 3 - Dipartimento della Pesca Mediterranea - Regione Siciliana.

Sono previsti gli interventi di Daniela Lo Monaco, Dirigente Biologo - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, Giuseppe Barbera, Medico Veterinario Specialista in Ispezione degli Alimenti di Origine Animale e di Gaetano Camilleri, Biologo - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”.

A chiudere i lavori Calogero Di Bella, Direttore Area Sorveglianza Epidemiologica e Responsabile Scientifico del progetto - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”.

“La tecnica messa punto durante il periodo di sperimentazione, ci consente oggi sostenere che è possibile conservare i crostacei senza l’utilizzo dei solfiti. - Ha anticipato Di Bella - A breve metteremo a punto una certificazione solfito free” Il progetto, coerente con l’obiettivo della Misura 1.26 cioè quello di promuovere l'innovazione nel settore della pesca, concorre ad accrescere la competitività ed il rendimento economico delle attività di pesca.

 mazara del vallo

Attività produttive, pubblicato bando per fiere internazionali. In calendario 10 appuntamenti fieristici per le Pmi siciliane

Cibus (Parma), Smau (Milano), Sana (Bologna), Anuga (Colonia), Tutto Food (Milano), Big Five (Dubai), Marmo Mac (Verona), Artigiano in fiera (Milano), Food&Life (Monaco), Ho.Mi. Casa (Milano). La Sicilia torna a partecipare alle fiere nazionali e internazionali dopo la lunga pausa imposta dalla pandemia da Covid-19. Pubblicato dall'assessorato regionale alle Attività produttive (nell’ambito dell’Azione 3.4.1 del PO Fesr 2014/2020) l’avviso a manifestazione d’interesse per la partecipazione di piccole e medie imprese siciliane - dei settori agroalimentare, casa e design, agroalimentare (biologico), edilizia e... Continua

Al via fino al 9 settembre finanziamenti e contributi a microPMI e liberi professionisti, 73mln dal Fondo Sicilia

Le istanze potranno essere presentate dalle ore 10:00 del 22 Luglio 2021 alle ore 17:00 del 9 Settembre 2021 esclusivamente sulla piattaforma online all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it Finanziamento e contributo vengono concessi alle condizioni del bando pubblicato da Irfis FinSicilia, che gestisce il Fondo Sicilia. Imprese e liberi professionisti potranno accedere alla piattaforma digitale dedicata mediante SPID (livello 2) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Preliminarmente alla compilazione della domanda, è opportuno consultare la guida utente.L’agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato... Continua

Bonus Sicilia Aree Urbane, 14mila domande. AGCI e FISM: “Imprese educative escluse a Palermo, codici Ateco scelti dalla Regione senza consultare gli organismi di categoria”

Sono 14.132 le domande trasmesse online dall'1 al 13 luglio per il "Bonus Sicilia - aree urbane", il contributo a fondo perduto con il quale la Regione siciliana sostiene il sistema produttivo colpito dalla pandemia di Palermo e Bagheria, Messina, Enna e Caltanissetta, Ragusa, Modica e Agrigento. Alle microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi aventi sede nelle aree urbane degli otto comuni siciliani che hanno un codice Ateco prevalente tra quelli previsti per ciascuna area territorale, saranno ripartiti 25.610.028,88 euro. “È naturalmente... Continua