gambero rosso di mazara, sicilia

Una tecnica messa punto grazie alla sperimentazione svolta all'interno di un progetto FEAMP, consente di conservare i crostacei senza l’utilizzo dei solfiti. Si punta ad una certificazione "solfito free".

Come da programma, a chiusura del progetto “Sviluppo di soluzioni innovative attraverso l’attivazione di servizi aggregati alle imprese ed il miglioramento del processo di conservazione del prodotto ittico”, mercoledì 22 maggio 2019 alle ore 10:00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia (via G. Marinuzzi, 3 Palermo), si terrà il convegno finale “Qualità e sicurezza alimentare nella filiera dei crostacei di profondità”.

Il progetto, finanziato nell’ambito della Misura 1.26 PO FEAMP 2014-2020, curato dal Dott. Calogero Di Bella, Responsabile Scientifico e Dirigente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri” (IZS Sicilia), ha come obiettivo la sperimentazione di una valida alternativa nel controllo della melanosi e dei processi di alterazione dei crostacei maggiormente pescati e commercializzati in Sicilia (gambero rosso, gambero rosa e scampi) utilizzando formulazioni innovative di conservazione (semi dell’acino dell’uva) al fine di tutelare la salute die consumatori e degli operatori del settore.

Le attività del progetto, svolte nell’arco di 18 mesi, hanno prodotto una serie di risultati che saranno presentati nel corso del convegno a cui parteciperanno Antonio Iozza, Responsabile Gestione Progetto, Stefano Vullo, Direttore Sanitario - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, Rosolino Greco, Dirigente Generale Dipartimento della Pesca Mediterranea - Regione Siciliana, Giuseppe Dimino, Dirigente Servizio 3 - Dipartimento della Pesca Mediterranea - Regione Siciliana.

Sono previsti gli interventi di Daniela Lo Monaco, Dirigente Biologo - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, Giuseppe Barbera, Medico Veterinario Specialista in Ispezione degli Alimenti di Origine Animale e di Gaetano Camilleri, Biologo - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”.

A chiudere i lavori Calogero Di Bella, Direttore Area Sorveglianza Epidemiologica e Responsabile Scientifico del progetto - Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”.

“La tecnica messa punto durante il periodo di sperimentazione, ci consente oggi sostenere che è possibile conservare i crostacei senza l’utilizzo dei solfiti. - Ha anticipato Di Bella - A breve metteremo a punto una certificazione solfito free” Il progetto, coerente con l’obiettivo della Misura 1.26 cioè quello di promuovere l'innovazione nel settore della pesca, concorre ad accrescere la competitività ed il rendimento economico delle attività di pesca.

 mazara del vallo

Il "territorio riconoscibile", identità e sviluppo: due giorni di open works promossi dal Gal Tirrenico

“Borghi e monti d’amare: tipico tirrenico siciliano”. Un’iniziativa del Gal Tirrenico promuove, nell’ambito del Psr Sicilia. SSLTP: un sistema di sviluppo integrato per un nuovo brand culturale, turistico e produttivo. Il 17 e 18 settembre 2020, nel territorio del GAL Tirrenico, ad Oliveri il 17 e a Furnari il 18, si terranno gli “Open Works”, due giorni di lavori aperti dedicati al territorio, alla sua riconoscibilità, alla sua identità tipicità, ai beni culturali, in definitiva al “Patrimonio Culturale Tipico Tirrenico Siciliano”... Continua

Decreto Rilancio, confidi 106 ancora più “banche”. In Sicilia, Confeserfidi pronto a erogare direttamente 120 mln alle Pmi

Il "Decreto Rilancio", da poco convertito in legge, trasforma di fatto i 32 confidi 106 vigilati da Banca d’Italia in soggetti "bancari" in grado di erogare ingenti finanziamenti diretti alle imprese. ConfeserFidi è già pronto a mettere a disposizione delle Pmi siciliane e italiane 120 mln di euro sotto forma di finanziamenti diretti o di fidejussioni o di acquisto crediti.Un’importante novità per le Pmi che abbiano bisogno di maggiore attenzione, velocità ed efficienza di risposta al bisogno di liquidità rispetto a... Continua

Cooperfidi, Dino Forini nuovo direttore generale del confidi per l’economia cooperativa

Cooperfidi Italia Società Cooperativa, con sede a Bologna, è il consorzio fidi di riferimento dell’economia cooperativa, del no-profit e del settore primario. Il consiglio di amministrazione di Cooperfidi Italia ha deliberato la nomina di Dino Forini a direttore generale che vanta una pluriennale e consolidata esperienza manageriale in ambito bancario maturata presso primari gruppi nazionali (Interbanca, Efibanca, Banco Popolare e Banca Regionale di Sviluppo) oltre a conoscere approfonditamente il sistema della cooperazione per essere stato negli ultimi anni Credit Manager di CCFS –... Continua