Finale promozione A1 pallanuoto Telimar 2019

 Il Club dell’Addaura, dopo aver vinto alla Baldini, batte la RN Camogli per 9-7 nella gara 2 della finale play-off.

Impresa riuscita per il TeLiMar che si regala – e regala all’intera città di Palermo – la promozione in A1 al termine di gara 2 della finale del Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile di Serie A2.

All’Olimpica di viale del Fante, davanti ad un pubblico di circa 1800 tifosi, il Club dell’Addaura batte la Rari Nantes Camogli per 9-7, tornando nella massima serie dopo 14 anni di assenza. I ragazzi di Quartuccio partono bene, ma devono fare i conti con la squadra ligure che ha tutta l’intenzione di arrivare alla bella. I padroni di casa, però, mantengono altissima la concentrazione, tenendosi sempre in vantaggio di una rete. Poi, tra la fine del terzo tempo e l’inizio dell’ultimo quarto di gioco, colpo di reni dei ragazzi del Presidente Giliberti, che si portano momentaneamente sul +3, gestendo il tentativo del Camogli di rientrare in partita. Alla fine del match, grande festa alla Piscina Comunale, con l’abbraccio dei tifosi alla squadra al termine di una stagione che ha visto il pubblico palermitano, così come il team dell’Addaura, assoluto protagonista nel panorama della pallanuoto nazionale.

È Migliaccio che, su uomo in più, apre le marcature dopo 2’19 di gioco, per l’1-0 dei padroni di casa. Alla ripresa, però, Beggiato riporta l’equilibrio con un tiro deviato da Saric, su cui nulla può Lamoglia: 1-1 e tutto da rifare. Il TeLiMar prova a costruire subito un nuovo vantaggio e lo fa con il Capitano Ciccio Lo Cascio a 2’55 e con Tabbiani in superiorità a 4’27. Il primo tempo si chiude sul 3-2, con i liguri che accorciano le distanze con Cambiaso.

È il momento della sofferenza per il Club dell’Addaura, che subisce la rete del pareggio dopo 1’16 dall’avvio del secondo quarto del match, con Caliogna abile a sfruttare l’uomo in più. Migliaccio in controfuga a 4’44 ristabilisce le forze in vasca. Rispondono subito i liguri con Cocchiere, pronto a ribattere in superiorità sulla parata di Lamoglia. La prima metà del match, però, si chiude con il TeLiMar di nuovo in vantaggio, grazie ad una splendida rete di Lo Cascio, servito da Saric a 1’42 dalla sirena.

Dopo l’esibizione delle sincronette di Aquademia Sincro che permette di rifiatare, tornano in vasca le due squadre, con gli uomini di Temellini decisi a non mollare un colpo: dopo 2’09, è Gatti a firmare in doppia superiorità numerica la rete del 5-5. Un gran tiro di Occhione, però, riporta il TeLiMar sopra di un goal quando mancano 5’05. Ribatte di nuovo Gatti per il 6-6 a 4’43 dal termine del terzo parziale, che vede la reazione dei padroni di casa, subito con Occhione dalla distanza e poi con Tabbiani in superiorità a 2’12 per l’8-6 con cui si chiude il tempo.

L’ultimo quarto vede i 1800 dell’Olimpica spingere il team di Quartuccio, che si porta sul momentaneo +3 con una bella controfuga di Giliberti in doppia superiorità numerica a 5’26 dal termine del match. Il TeLiMar non deve fare altro che gestire il vantaggio e lo fa concedendo solo la rete del 9-7 a Caliogna, arrivata a 2’29. Dopo la vittoria in gara 1, il TeLiMar conquista, così, la promozione in A1.

Da registrare le espulsioni per proteste per Galioto (TeLiMar) nel terzo tempo, Beggiato e Cocchiere (Camogli), nel quarto tempo. Usciti per limite di falli Saric (TeLiMar), nel terzo tempo, Tabbiani e Occhione (TeLiMar) nel quarto tempo.

 

Parziali: 3-2; 2-2, 3-2, 1-1.

Superiorità: TeLiMar 5/13; RN Camogli 4/15.

 

Il Tabellino

TeLiMar: 1.Lamoglia, 2.Tuscano, 3.Galioto, 4.Di Patti, 5.Occhione (2), 6.Lo Dico, 7.Giliberti (1), 8.Saric, 9.Lo Cascio (2), 10.Tabbiani (2), 11.Fabiano, 12.Migliaccio (2), 13.Sansone   -   Allenatore: Ivano Quartuccio

RN Camogli: 1.Gardella, 2.Beggiato (1), 3.Mantero, 4.Licata, 5.Pellerano, 6.Cambiaso (1), 7.Rossi, 8.Barabino, 9.Cocchiere (1), 10.Gatti (2), 11.Molinelli, 12.Cuneo, 13.Caliogna (2) -   Allenatore: Angelo Temellini

Arbitri: Bruno Navarra di Roma e Marco Ercoli di Fermo (AN).

Risultati di gara 1:

RN Camogli – TeLiMar 8-11

Campolongo Hospital RN Salerno - Latina 8 – 7      

Risultati di gara 2:

TeLiMar - RN Camogli 9-7

Latina - Campolongo Hospital RN Salerno 11-12 ai rigori (9-9)


TeLiMar e RN Salerno promosse in Serie A1

Telimar Rari Nantes Finale A1 2019

 

Pallanuoto, TeliMar Palermo promossa in serie A1. Intervista al presidente Marcello Diliberti

TeLiMar Palermo promossa in A1. Intervista al presidente Marcello Giliberti.

Pubblicato da Rassegna Stampa su Sabato 29 giugno 2019

 

Ccnl lavoratori cooperative sociali: le nuove tabelle ministeriali con il costo orario medio

Marina Calderone, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Cooperative sociali. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, in data 14 giugno 2024, il Decreto n. 30/2024, concernente la determinazione del costo medio orario del lavoro per i lavoratori delle cooperative del settore socio-sanitario-assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo, a seguito di rinnovo del CCNL, con decorrenza dai mesi di febbraio 2024, ottobre 2024, gennaio 2025, settembre 2025, ottobre 2025 e gennaio 2026. Il costo del lavoro è suscettibile di oscillazioni in relazione: a) ad eventuali benefici previsti da... Continua

Siccità, pubblicato bando da 10 milioni per il "voucher foraggi" e per l'albo fornitori

Pubblicato il decreto regionale che dà il via all'assegnazione dei "voucher foraggi" per gli allevatori siciliani e alla formazione di un albo fornitori. Dopo l'approvazione in Commissione Attività produttive dell'Ars si passa adesso alla fase attuativa del provvedimento voluto dal presidente della Regione Siciliana Renato Schifani, che stanzia 10 milioni di euro per fronteggiare i danni causati al settore dalla carenza idrica.  Il contributo sarà erogato, sino a esaurimento delle risorse, attraverso l’emissione di un “buono” utilizzabile per l'acquisto di foraggi presso fornitori... Continua

Irfis, due bandi per finanziare start-up della filiera del grano e della viticoltura in Sicilia


Viti e grano

Finanziamenti per un importo massimo di 250 mila euro, compreso un eventuale contributo a fondo perduto del 20%. La procedura è a sportello: le istanze verranno valutate in ordine cronologico di presentazione. Una dotazione complessiva di un milione di euro, a valere sul Fondo Sicilia, per finanziare le start-up che realizzano prodotti di grano duro e di grani antichi siciliani o che producono uve da vitigni “reliquia”. L’accesso alle agevolazioni al credito destinate alle imprese attive in questi due ambiti è... Continua