La cooperazione in Sicilia che promuove la ricerca scientifica è targata Agci. All'Associazione Generale delle Cooperative aderiscono infatti l'organizzazione di produttori di pesca di Trapani e delle Egadi e la coop di ricerca Bio&Tec che nell'ambito del progetto "Greca" ha condotto le indagini insieme al CNR. Obiettivo della sperimentazione la modifica dell’attrezzo di pesca "tremaglio" con l’ausilio della greca (denominazione locale "minzuddro") che preveda la possibilità di ridurre la cattura di organismi bentonici (che vivono a contato con il fondale, come ad esempio stelle marine, paguri, oloturie e altro), mantenendo inalterata la cattura delle specie commerciali.

basciano progetto greca

I risultati preliminari del progetto “Greca”, promosso dall’OP di Trapani e delle Isole Egadi con il supporto scientifico del CNR IAMC di Mazara del Vallo e finanziato dal Dipartimento Regionale della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana nel quadro della Misura 3.5 del FEP, sono stati presentati lo scorso venerdì 17 luglio nella Biblioteca Fardelliana di Trapani.
Il progetto, cha ha visto lavorare insieme pescatori di Trapani, Favignana e Marettimo, ha sperimentato con successo un nuovo tipo di tremaglio nell’ Area Marina Protetta (AMP) delle isole Egadi che consente di ridurre la cattura di invertebrati del fondo privi di valore commerciale, ma che contribuiscono all’equilibrio ecologico dell’ecosistema marino, quali echinodermi, gasteropodi, fanerogame e di alghe.

pescatore rammenda reteIl nome tremaglio o tramaglio deriva dal latino  “tremaculum” che significa “rete a tre ordini di maglie”. E’ una rete da posta formata da tre pezze di reti sovrapposte, congiunte in alto sulla lima dei galleggianti e in basso sulla lima dei piombi. La modifica di cui si è voluto testare l’efficacia consiste nell’inserimento di una particolare fasciola o “greca” tra la lima dei piombi e i panni del tramaglio.
Sebbene siano ancora in corso analisi dei dati più approfondite, i risultati preliminari mostrano che la sperimentazione può contribuire a realizzare attrezzi da posta più selettivi da adoperare nelle AMP. In un contesto di attenzione ai valori naturalistici, come l’AMP delle isole Egadi, le perdite contenute di ricavi causate dalla minore cattura di alcune specie commerciali possono essere compensate dai minori costi dell’usura del materiale, dalla riduzione del tempo necessario alla pulizia delle reti dallo scarto di pesca e da un marchio di ecosostenibilità delle catture che consentirebbe di aggiungere valore al prodotto della pesca ottenuto con attrezzature ecocompatibili.
Il Dipartimento pesca era rappresentato da Gaetano Gallo, responsabile del Servizio 2 (Sforzo di Pesca, Equilibrio Biologico e Salvaguardia Risorse Ittiche).
Tutte le componenti hanno convenuto sull’importanza dei risultati e sulla necessità di proseguire con la prossima programmazione Feamp 2014-20 nel perfezionare ulteriormente e divulgare tra i pescatori, soprattutto tra quelli che operano nelle Aree Marine Protette siciliane, l’uso di quest’attrezzo cosi modificato.


Lo staff di progetto ringrazia per la collaborazione tutti i soggetti coinvolti, e in particolare:
- Gli equipaggi dei M/P: “Emilio” e “S. Antonio” (Trapani), “Michela e Angelo” e “Rosaria Concetta” (Favignana), “Nuova Anna C.” e “S. Francesco M.” (Marettimo)
- L’Area Marina Protetta “Isole Egadi”
– Ente Gestore Comune di Favignana
- La Capitaneria di Porto di Trapani
- Consorzio COESA

 Si ringraziano:
- Gli equipaggi dei M/P: “Emilio” e “S. Antonio” (Trapani), “Michela e Angelo” e “Rosaria Concetta” (Favignana), “Nuova Anna C.” e “S. Francesco M.” (Marettimo)
- L’Area Marina Protetta “Isole Egadi”
– Ente Gestore Comune di Favignana
- La Capitaneria di Porto di Trapani
- Consorzio COESA

Florovivaismo, Governo dà via libera a produzione e commercio. 3000 aziende in Sicilia chiedono ora sostegno per superare la crisi

  AGCI Sicilia si unisce all’apprezzamento del coordinamento nazionale Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura, Copagri, e le cooperative agroalimentari di Agci, Confcooperative, Legacoop, per il chiarimento relativo al florovivaismo arrivato da Palazzo Chigi, che sblocca le attività del settore. Soddisfazione per il provvedimento, un risultato positivo e concreto, che non basta comunque ad eliminare il timore che possa, da solo, risolvere la grave difficoltà economica delle aziende. I cittadini costretti a casa non comprano e occorrono per tutti i settori in crisi interventi... Continua

Proroga mutui Irfis Finsicilia: i moduli di richiesta per le imprese danneggiate da Covid-19

L’IRFIS Finsicilia spa aderisce alla moratoria di cui all’addendum  all’Accordo per il Credito 2019, sottoscritto venerdì 6 marzo 2020 tra ABI e le Associazioni di rappresentanza delle imprese. L’addendum  prevede – tra l’altro – l’estensione della sospensione sino ad un anno del pagamento delle quote capitali dei finanziamenti in essere alla data del 31/01/2020 erogati in favore delle imprese danneggiate dall’emergenza epidemiologica “COVID-19”.Le imprese interessate possono inoltrare domanda esclusivamente via pec (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) compilando i documenti (modulo corredato dall’allegata dichiarazione) reperibili attraverso... Continua

Inps: le misure del Decreto Cura Italia

L’Inps è pronto a dare attuazione a tutte le misure del Decreto Cura Italia. L’Istituto si trova a gestire 10 miliardi di euro, in poche settimane, per circa 11 milioni di utenti tra cassa integrazione e gli altri strumenti di sostegno al reddito. "Uno sforzo più grosso di quello che lo scorso anno ci ha visti impegnati sul Reddito di Cittadinanza e Quota 100, sia in termini di risorse economiche che in termini di utenti." "Non c’è nessun click day inteso come... Continua