Municipio Palermo Palazzo Pretorio

Il Comune promette una task force per il recupero veloce di tutte le pratiche arretrate. Ottenuto l’impegno al ripristino della cessione del credito e lo sblocco dei crediti con Banca Ifis e Banca Sistema. Franco Sprio, Agci Palermo: “Se a brevissimo termine non si pagheranno gli arretrati, consegneremo i libri sociali delle imprese alla Prefettura di Palermo”.

A Palazzo Natale, sede dell’Assessorato alle Attività Sociali del Comune di Palermo, mercoledì 13 ottobre l’Assessore Giuseppe Mattina ha convocato un incontro sul tema dei ritardi cronici nei pagamenti alle Cooperative Sociali. Alla riunione hanno preso parte il dirigente dell’Ufficio liquidazioni Leonardo Brucato e il suo staff, e i rappresentanti delle tre centrali cooperative Agci, Confcooperative, Legacoop e dei sindacati dei lavoratori del Comune di Palermo CSA/CISAL, UIL FIAP, CISL.
L’Assessore Mattina, dopo un analisi delle criticità dovute all’organizzazione burocratica del Comune ha annunciato che - su nuove disposizioni del Direttore Generale - l’organizzazione delle procedure sarà affidata a due gruppi di lavoro, il primo di neo costituzione si occuperà di recuperare il pregresso fino al 30 Giugno 2019, il secondo sarà quello composto dal dott. Brucato e dal suo staff, che lavorerà invece su tutto l’ordinario da giorno 1 luglio 2019 ad oggi. Ha inoltre sottolineato il suo personale dispiacere per la difficile situazione venutasi a creare.
Il dirigente Brucato ha sottolineato le motivazioni che rallentano l’operato degli uffici, nei quali il personale rifiuta anche lo straordinario, spiegando che non dispone del numero adeguato di risorse umane rispetto al lavoro da espletare.

Carmelo Greco di Legacoop, ricordando il ruolo collaborativo dimostrato con l’Ufficio Liquidazioni diretto dal Dott. Brucato, ha manifestato però l’assoluta necessità di dare risposte concrete alle cooperative, che a causa dei ritardi rischiano ineluttabilmente di chiudere. Greco ha posto inoltre l’attenzione sulla possibilità di dare uno sgravio agli operatori sociali che operano all’interno della ZTL.

Franco Sprio Agci PalermoFrancesco Sprio, presidente di AGCI Palermo, si è espresso senza mezzi termini, spiegando chiaramente che: "il tempo è ampiamente scaduto, la situazione di ritardo per le cooperative è gravissima, inaccettabile e ingestibile e non consente ulteriori attese con scadenze indeterminate, annunciando quindi che se a brevissimo termine non ci saranno risultati l'Associazione Generale delle Cooperative organizzerà senz’altro una manifestazione pubblica durante la quale porterà e consegnerà i libri sociali delle imprese alla Prefettura di Palermo".

È intervenuto Cesare Arangio di Confcooperative, che ripercorrendo quanto accaduto degli ultimi due anni, i numerosi incontri e riunioni fatte per trovare soluzione al problema, ha espresso perplessità sulle tempistiche di formazione e di durata dell’iter lavoro dei due gruppi annunciati dall’Assessore, ritenendo possibile che questo format organizzativo rischi realisticamente di essere solo l’ennesima buona intenzione che però non cambierà affatto lo stato di ritardo e l’arretrato dei pagamenti alle cooperative. Proprio per questo suggerisce di affiancare a queste attività il ripristino della cessione del credito e lo sblocco dei crediti di Banca Ifis e di Banca Sistema.

Nicola Scaglione di CSA/Cisal ha espresso vicinanza per la situazione sofferta dalle cooperative, affermando che il sindacato che rappresenta - pur essendo a conoscenza delle difficoltà legate al fatto che il personale del Comune non si sente motivato per varie ragioni - cercherà di collaborare con l’Amministrazione per potere dare supporto alla soluzione del problema.

Ilioneo Martinez, di Uil Fiap, associandosi al collega Scaglione ha dichiarato la volontà di collaborazione dei sindacato per una soluzione definitiva, ponendo l’attenzione sulla formazione dei dipendenti.

La CISL, rappresentata da Mario Basile e Salvo Lo Gelfo, ha evidenziato l’importanza del garantire servizi al cittadino, dichiarandosi solidale alla posizione espressa dall’AGCI e affermando che se sarà  organizzata una manifestazione autorevolmente rivolta alla Prefettura saranno al loro fianco, confermando nel contempo la disponibilità alla collaborazione con l’Amministrazione.

Nel chiudere l’incontro l’assessore Giuseppe Mattina ha spiegato che in questi mesi ha posto in essere un’attività intensa di lavoro al fine di reperire fondi, rivendicando che Palermo è fra le prime Città del Sud nell’ottenere fondi per il sociale. Infine ha assicurato che il problema del ritardo nei pagamenti è di massima priorità, precisando la volontà personale e dell’Amministrazione di porre rimedio a questa situazione, dichiarando che sarà accolta la richiesta di sbloccare i pagamenti per le banche Ifis e Sistema.

 

Il TeLiMar Palermo si impone di misura 9-8 contro la De Akker di Bologna

Il TeLiMar pallanuoto espugna la Longo di Bologna: contro la De Akker finisce 9-8

Marcello Giliberti, presidente TeLiMar: «Al termine di un match durissimo portiamo a casa questi meritatissimi tre punti, che ci lanciano al quarto posto in classifica». Conquista tre punti fondamentali il TeLiMar nella prima giornata del round Scudetto di A1. Alla piscina Carmen Longo di Bologna, contro la De Akker finisce 9-8 un match molto fisico e inizialmente equilibrato. I padroni di casa provano lo strappo nel secondo tempo. Un leggero calo dei felsinei, ma soprattutto la reazione del Club dell’Addaura permettono... Continua

Minacce di morte al senatore messinese Germanà, solidarietà AGCI Sicilia

Il senatore Nino Germanà

«Nell’apprendere delle minacce di morte indirizzate via social media al senatore Nino Germanà per il suo impegno politico in favore della realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina - dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane - manifesto il mio personale sdegno e la piena solidarietà a nome di AGCI Sicilia. Siamo certi che il senatore Germanà non si farà intimidire da questo e da analoghi vili attacchi, respinti dall’interessato e dall’intera società civile. Auspichiamo anzi un sempre... Continua

Pesca e acquacoltura. Basciano, AGCI: «Settore in gravi difficoltà, governo Sicilia approva 116 mln programma Feampa, associazioni non consultate»

Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa)

Annunciato l’inizio dell’operatività in Sicilia del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa), che comprende una serie di interventi per il settore, in parte gestiti centralmente dal ministero (MASAF) ed in parte dalle regioni. Il ministero tra l’altro gestirà il ritiro definitivo di chi deciderà di rottamare l’imbarcazione e consegnare la licenza di pesca. Sostenere l’economia blu e stimolare attività di pesca e acquacoltura innovative e sostenibili sono alcuni degli obiettivi del Programma nazionale del Feampa 2021-2027... Continua