Unioncamere Panchine Rosse, Giornata contro la violenza sulle donne a Palermo

Una panchina rossa il 25 novembre all’interno della sede della Camera di Commercio di Palermo ed Enna, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. AGCI sostiene iniziativa di Unioncamere e Stati Generali delle Donne. Un simbolo per condannare la violenza che ancora oggi le donne subiscono nel mondo del lavoro.

Il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Palermo ed Enna parteciperà il 25 novembre prossimo al progetto “Panchine Rosse”, organizzato da Unioncamere insieme con il movimento Stati Generali delle Donne, una iniziativa a carattere nazionale contro la violenza che le donne subiscono nel mondo del lavoro.

Sono 15 le donne componenti del Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA di Palermo ed Enna, in rappresentanza di tutto il mondo produttivo.

Delegata per l’Associazione Generale delle Cooperative Italiane - AGCI Sicilia è la dottoressa Maria Lo Castro.

Angela Pisciotta, presidente Comitato Imprenditoria Femminile CCIAA Palermo ed EnnaDel Comitato, presieduto da Angela Pisciotta, che ha come obiettivo principale la diffusione della cultura di impresa tra le donne, fanno parte: Maria Bonanno, Daniela Cocco, Francesca Costa, Maria Di Venti, Aida Faraone, Giuseppina Fiumefreddo, Maria Lo Castro, Ornella Matta, Marianna Miceli, Debora Mirabelli, Margherita Perricone, Maria Pia Piricò Gioia, Valeria Vassallo e Francesca Cannella.

Questa importantissima ricorrenza è stata istituita dall’assemblea dell’Onu nel 1999. La data del 25 novembre per la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne è stata scelta per ricordare il sacrificio di Patria, Minerva e Maria Teresa, tre sorelle che, a causa della loro militanza politica contro il regime del dittatore dominicano Rafael Leonida Trujillo, furono brutalmente trucidate nel 1960.

Attività produttive, pubblicato bando per fiere internazionali. In calendario 10 appuntamenti fieristici per le Pmi siciliane

Cibus (Parma), Smau (Milano), Sana (Bologna), Anuga (Colonia), Tutto Food (Milano), Big Five (Dubai), Marmo Mac (Verona), Artigiano in fiera (Milano), Food&Life (Monaco), Ho.Mi. Casa (Milano). La Sicilia torna a partecipare alle fiere nazionali e internazionali dopo la lunga pausa imposta dalla pandemia da Covid-19. Pubblicato dall'assessorato regionale alle Attività produttive (nell’ambito dell’Azione 3.4.1 del PO Fesr 2014/2020) l’avviso a manifestazione d’interesse per la partecipazione di piccole e medie imprese siciliane - dei settori agroalimentare, casa e design, agroalimentare (biologico), edilizia e... Continua

Al via fino al 9 settembre finanziamenti e contributi a microPMI e liberi professionisti, 73mln dal Fondo Sicilia

Le istanze potranno essere presentate dalle ore 10:00 del 22 Luglio 2021 alle ore 17:00 del 9 Settembre 2021 esclusivamente sulla piattaforma online all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it Finanziamento e contributo vengono concessi alle condizioni del bando pubblicato da Irfis FinSicilia, che gestisce il Fondo Sicilia. Imprese e liberi professionisti potranno accedere alla piattaforma digitale dedicata mediante SPID (livello 2) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Preliminarmente alla compilazione della domanda, è opportuno consultare la guida utente.L’agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato... Continua

Bonus Sicilia Aree Urbane, 14mila domande. AGCI e FISM: “Imprese educative escluse a Palermo, codici Ateco scelti dalla Regione senza consultare gli organismi di categoria”

Sono 14.132 le domande trasmesse online dall'1 al 13 luglio per il "Bonus Sicilia - aree urbane", il contributo a fondo perduto con il quale la Regione siciliana sostiene il sistema produttivo colpito dalla pandemia di Palermo e Bagheria, Messina, Enna e Caltanissetta, Ragusa, Modica e Agrigento. Alle microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi aventi sede nelle aree urbane degli otto comuni siciliani che hanno un codice Ateco prevalente tra quelli previsti per ciascuna area territorale, saranno ripartiti 25.610.028,88 euro. “È naturalmente... Continua