L'Italia può e deve imporsi in Europa per la trasparenza dell'informazione

lettura etichetta alimentareE' un fatto positivo l'approvazione, all'interno dello schema del disegno di legge di delegazione europea, della reintroduzione dell'indicazione obbligatoria sulle etichette dei prodotti alimentari destinati al mercato italiano dello stabilimento di produzione o confezionamento.
 
Lo sostiene AGRINSIEME, il coordinamento di Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, definendo la decisione del Governo come un passo in avanti verso quella massima trasparenza dell'informazione, che deve caratterizzare la commercializzazione di tutti i prodotti alimentari.
 
La scelta è dettata anche e soprattutto da motivi di garanzia della sicurezza alimentare. La mancanza di questa importante informazione rallenta molto le procedure che servono a rintracciare prodotti alimentari pericolosi, come si è visto in occasione di recenti scandali alimentari nei Paesi europei dove questo obbligo non c’è.
 
Rispetto a ciò il nostro Paese deve imporsi in Europa per ottenere il via libera all’introduzione di questa specifica indicazione in etichetta al fine di rendere i controlli su tutti i prodotti alimentari più efficaci a garanzia della concorrenza e dei consumatori.
 
L'auspicio, ora, è che l'iter legislativo sia celere, che appunto l'Europa non ponga ostacoli  tali da rendere inapplicabile la norma nazionale e che in tema di informazione trasparente si giunga presto ad una disposizione comunitaria che renda obbligatoria in etichetta anche l’indicazione dell’origine della materia prima.

e-max.it: your social media marketing partner

“ComuniCare”, cammino di consapevolezza. La redazione di un giornale come comunità di crescita culturale

Un progetto che racconta se stesso. Un giornale realizzato da una comunità che si organizza come redazione. Il loro laboratorio di integrazione sociale è la testata online ComuniCare. Sotto la direzione della giornalista Rossana Franzone, i ragazzi della comunità alloggio per minori "Il Delfino" di Milazzo imparano a conoscere il mestiere del reporter, diventano redattori, ripartendosi i compiti di scrivere gli articoli, scattare le foto, montare i video. Esplorano la realtà, la analizzano, la rappresentano, ne prendono consapevolezza. Un esperimento... Continua

Pagliaro, Cgil: “Forzatura riforme in finanziaria, tempi troppo esigui”. Cappadona, Agci: “Garantire credito agevolato cooperative”

Un segnale preciso: tagliare con il passato. Gaetano Armao inizia la sua prima legge finanziaria come assessore all’Economia del governo Musumeci liquidando il dinosauro Esa e le banche regionali per le imprese artigiane e cooperative, Crias e Ircac, trasferendone competenze e risorse all’Irfis. Critico il segretario generale Cgil Sicilia Michele Pagliaro, secondo il quale il provvedimento “sembra un insieme di atti amministrativi piuttosto che di scelte programmatiche. Ci saremmo aspettati norme per accelerare la spesa per investimenti previsti dai Patti per... Continua

Cappadona, apprezzamento dell'Agci Sicilia su semplificazione amministrativa: “Segnale importante per le imprese”

“L’Agci esprime il suo particolare apprezzamento per il provvedimento sulla trasparenza, semplificazione e accelerazione dei procedimenti amministrativi e le conferenze di servizi, adottato dall’assessore regionale della Funzione pubblica, Bernadette Grasso“. Lo afferma Michele Cappadona, presidente dell’Associazione generale delle cooperative italiane – Agci Sicilia. Questo primo atto, ha chiarito l’assessore Grasso, è in linea con le dichiarazioni programmatiche e il disegno di legge organico predisposto dal governo Musumeci in materia di semplificazione amministrativa, che armonizzi le norme vigenti in materia e... Continua