Telimar canottaggio 2020

Con la stagione agonistica 2020 alle porte, è tempo di bilanci per la Canottieri TeLiMar, che conquista il settimo posto nella classifica nazionale giovanile 2019 ed il sedicesimo posto nella classifica assoluta delle società remiere d’Italia. Il Club dell’Addaura, che si conferma prima società siciliana, è subito dietro alle storiche e prestigiose realtà di tutta la penisola.

Ciò, nonostante il 2019 sia stato un anno di transizione per il Club del Direttore Sportivo Giorgio Giliberti, che non ha visto per svariate ragioni gareggiare gli alfieri Mirko Cardella ed Emanuele Gaetani Liseo, che hanno però riabbracciato l’attività societaria all’inizio del 2020.
 
La Canottieri TeLiMar, dunque, guidata dal capo allenatore Marco Costantini, ha avuto modo di concentrarsi ancora di più sulla valorizzazione del proprio vivaio, che ha dato anche nella stagione da poco conclusa molte soddisfazioni.
 
I risultati sono stati davvero eccellenti, tanto che sono valsi al Club dell’Addaura con il settimo posto nella classifica nazionale giovanile del Trofeo D’Aloja la leadership anche nel Sud Italia: il TeLiMar entra così a pieno titolo nella top 10 delle società affiliate alla FederCanottaggio che fanno fare sport ai giovani, primo Club in Sicilia - con la Canottieri Palermo al ventunesimo posto - in un periodo in cui il trend nazionale e globale vede aumentare la sedentarietà tra gli adolescenti.
 
Secondo gli ultimi dati dell’OMS che si riferiscono a 1,6 milioni di ragazzi e ragazze provenienti da 146 Paesi, infatti, l’80% degli under 18 non svolge attività fisica in modo regolare, con punte allarmanti del 90% tra le giovani italiane di età compresa tra gli 11 e i 17 anni.
 
In questo contesto, si inserisce la mission del TeLiMar che, al di là dei risultati agonistici ottenuti nei 31 anni di attività – nove titoli Mondiali, un Europeo e una trentina di titoli Italiani – spinge ragazzi e ragazze a giocare con lo sport, attraverso gare, allenamenti, divertendosi e imparando dalle vittorie e dalle sconfitte: sin da giovani si respirano i valori dello sport, fondamentali per crescere come persone oltre che come atleti.
 
Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Dopo la grande soddisfazione per gli straordinari piazzamenti in classifica nazionale 2019, il nostro Staff Tecnico guidato da Marco Costantini sta lavorando meticolosamente per consolidare la crescita dei nostri tanti validi giovani canottieri e per porre le basi per un ingresso da senior in squadra nazionale dei nostri ex azzurri Emanuele Gaetani Liseo e Mirko Cardella ed anche, per la prima volta, di Elena Joana Armeli. In aggiunta a questo, contiamo di avere assegnata dal Comitato FIC Sicilia la organizzazione del Campionato Italiano Master di Luglio alla Diga Poma di Partinico (PA), in modo da dare – sulla scia del grande successo riscosso con il Campionato Italiano di Coastal Rowing che abbiamo organizzato nel 2018 a Mondello – una ulteriore dimostrazione delle nostre capacità organizzative e di ospitalità ai tanti amici canottieri che voleranno in Sicilia in piena estate per coniugare la pratica sportiva con la visita del nostro stupendo territorio».

 

Pesca di Delia IGP, in Gazzetta UE la richiesta. Scilla: “Tassello importante nella strategia di esaltazione delle specificità locali"


Agroalimentare siciliano di eccellenza, la Pesca di Delia verso il riconoscimento del marchio “Indicazione geografica protetta” dell’Unione Europea. “Un risultato gratificante che valorizza ulteriormente una delle produzioni della nostra Isola e che ne sottolinea la ricchezza del territorio. Aggiungiamo un altro tassello importante nella strategia di esaltazione delle specificità locali e dell'identità mediterranea insita nel DNA della nostra regione", così l’assessore regionale all'Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea, Toni Scilla. La domanda di registrazione della "Pesca di Delia" IGP  è stata pubblicata... Continua

WBO contro le crisi aziendali: accordo tra Agci Confcooperative Legacoop e Cgil Cisl Uil per promuovere i workers buyout

  Centrali cooperative e sindacati insieme per promuovere l’utilizzazione di uno strumento efficace per risolvere crisi aziendali, garantire la conservazione del patrimonio aziendale e del know-how tecnico e produttivo. Il workers buyout è l’acquisizione di un’azienda da parte dei suoi lavoratori organizzati in cooperativa. La prima esperienza del genere in Italia risale al 1978, quando i giornalisti e i tipografi dello storico quotidiano di Livorno “Il Telegrafo” (oggi “Il Tirreno”), acquisirono il giornale. Questa iniziativa ispirò la legge Marcora n. 49/1985 che... Continua

Nuovi assessori regionali Toni Scilla (Agricoltura) e Marco Zambuto (Funzione pubblica), buon lavoro da AGCI Sicilia

  Mini rimpasto al Governo della Regione Siciliana. Avvicendamento di due assessori espressi da Forza Italia nella Giunta Musumeci: Edy Bandiera passa il testimone a Tony Scilla all’Agricoltura, a Bernadette Grasso succede Marco Zambuto alla Funzione pubblica. “Esprimiamo agli assessori uscenti Edy Bandiera e Bernadette Grasso il nostro sincero ringraziamento per il proficuo rapporto improntato all’intenso dialogo istituzionale, che ha consentito in questi anni un costante confronto su politiche programmatiche, criticità e soluzioni”, dichiara Michele Cappadona, presidente regionale dell’Associazione Generale delle Cooperative... Continua