logo IRSAP

Coronavirus, tutti i dipendenti della sede Irsap e degli 11 uffici periferici dal 30 marzo svolgeranno il proprio lavoro in modalità “smart working”.

 In ottemperanza alle misure del Decreto Legge 21 marzo 2020 n. 18,  del DPCM del 22/03/2020 e precedenti, si informano gli utenti che fino alla data del 3 aprile p.v., salvo proroghe, non si effettuerà ricevimento al pubblico presso gli uffici se non attraverso l’assistenza e consulenza telefonica.
Tutti i dipendenti dell’IRSAP da lunedì 30 marzo e fino al 4 aprile, salvo proroghe, sono stati autorizzati a svolgere il lavoro in modalità agile, da casa, a tutela della loro sicurezza e di quella degli utenti relativamente all’emergenza sanitaria in corso per Covid-19, ma la continueranno a garantire tutte le attività ed i servizi in generale e rimangono comunque raggiungibili ai numeri telefonici diretti consueti per assistenza e consulenza nell’orario di ufficio, dalle 8.30 alle 14.30.
Si invitano gli utenti a utilizzare la posta certificata PEC quale modalità di trasmissione postale verso l’Ente, al seguente indirizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Le uniche presenze negli Uffici saranno funzionali a rispondere a esigenze logistiche di ritiro della posta dalle apposite cassette postali sistemate all’esterno e al controllo e gestione di alcuni servizi essenziali e di pubblica utilità.
L’attività amministrativa continuerà anche per garantire i servizi essenziali e di pubblica utilità, nonché per portare avanti le procedure di gara in corso per l’affidamento degli appalti e lavori, sfruttando le tecnologie a disposizione e sempre nel rispetto della normativa e a garanzia della salute dei dipendenti.
Per le finalità di cui sopra sarà possibile contattare il personale dipendente in servizio presso l’ufficio interessato, oltre che ai numeri pubblicati per ciascun dipendente sul sito istituzionale ai seguenti indirizzi e numeri telefonici.

Numeri telefonici:

Ufficio di Palermo/ Sede legale
09177287

Ufficio periferico di Agrigento
092218097

Ufficio periferico di Caltagirone
093319095

Ufficio periferico di Caltanissetta
093419086

Ufficio periferico di Catania
09546881

Ufficio periferico di Enna
093518253

Ufficio periferico di Gela
093319097

Ufficio periferico di Messina
09090260

Ufficio periferico di Ragusa
093218795

Ufficio periferico di Siracusa
093116672

Ufficio periferico di Trapani
092317873

Indirizzi di posta elettronica:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Terzo settore Distretto 39 - ASP Palermo: on line manifestazione di interesse per partecipare a Ufficio di Piano e Rete territoriale per la protezione e inclusione sociale

Tutti i soggetti del Terzo Settore possono manifestare il proprio interesse sino al 25 gennaio 2022 per partecipare all’Ufficio di Piano e alla Rete territoriale per la protezione e inclusione sociale del Distretto sociosanitario 39, che fa parte dell’ASP 6 di Palermo. 
 Le “Linee guida per la programmazione del Piano di Zona 2021” approvate con D.P. n.574/GAB (GURS n. 33 del 30/07/2021), prevedono che il Comitato dei Sindaci del Distretto 39 che comprende i comuni di Bagheria (capofila) Altavilla Milicia, Casteldaccia, Ficarazzi... Continua

Politiche sociali, Scavone: «Oltre 29 milioni ai Comuni per assistenza verso soggetti in situazione di fragilità» 

Contributi per avviare servizi per la prima infanzia (fascia 0-3 anni), centri di aggregazione per minori nella fascia compresa fra i 4 e i 18 anni, strutture diurne per anziani e persone con limitazioni nell'autonomia o, ancora, consultori familiari e case-famiglia per donne vittime di violenza e in situazione di fragilità. Recuperare edifici pubblici per arricchire i Comuni di servizi per l'infanzia, l'adolescenza e gli anziani, migliorando la qualità della vita e frenando l'esodo dai piccoli centri. È la visione innovativa... Continua

Formazione in azienda, Lagalla: «Altri 14 milioni per la qualificazione professionale di disoccupati e inoccupati». Ammesse anche le imprese a vocazione sociale.

I progetti possano essere congiuntamente proposti dagli enti di formazione professionale e dalle aziende, con l’obiettivo di migliorare la competitività dei processi produttivi aziendali. La partecipazione è estesa ad imprese del terzo settore e nelle attività a vocazione sociale. Particolare attenzione è rivolta alle imprese del settore agroalimentare, manifatturiero, artigianale, edilizio, delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, del turismo e dei beni culturali. La nuova edizione dell’Avviso 33, iniziativa promossa dall’assessorato all’Istruzione e Formazione professionale della Regione, finanzia, con 14 milioni di euro... Continua