decreto cura italia

Agci, Legacoop e Confcooperative, riunite in Alleanza delle Cooperative Italiane, hanno siglato l’accordo tra le parti sociali e l’ABI, Associazione Bancaria Italiana, per l'erogazione dell'integrazione salariale ordinaria (Cigo, Cigs, Fis) e in deroga (Cigd) per gli eventi di sospensione dal lavoro determinati dall'emergenza COVID-19, così come previsto dal decreto cura Italia del 18 marzo u.s.

Le banche aderenti al Protocollo si impegneranno ad erogare l'anticipo delle somme delle integrazioni salariali ai lavoratori, fino ad un ammontare di 1400 euro parametrati a 9 settimane di sospensione lavorativa a zero ore.
L'anticipo dell'indennità avverrà tramite l'apertura di un conto corrente dedicato per singolo lavoratore. L'apertura di credito si concluderà con il versamento da parte dell'Inps del trattamento di integrazione salariale, che avrà effetto solutorio del debito maturato e, che, comunque, non potrà avere una durata superiore a 7 mesi. Tale misura che scadrà il 31 dicembre 2020, spetta a tutti i lavoratori, anche soci lavoratori, destinatari di tutti i trattamenti di integrazione al reddito, così come previsto dal Decreto Cura Italia.

Testo convenzione con ABI

Allegato A1

Allegato B1

Allegato C1

Approvato un piano da 250 mln di euro per la valorizzazione della “Risorsa Mare” dei 9 comuni costieri del trapanese

  Attraverso lo strumento finanziario del Contratto Istituzionale di Sviluppo, il territorio si candida ad ottenere risorse fino a 250 milioni di euro, in un unico pacchetto di investimenti integrati. Nel corso dell’assemblea della  Fondazione “Torri e tonnare del litorale trapanese”, il 29 giugno  è stato approvato il documento preliminare  del piano di valorizzazione della “Risorsa Mare” dei comuni costieri della Sicilia Occidentale. I 9 Comuni Costieri del trapanese (Mazara del Vallo, Petrosino, Marsala, Paceco, Valderice, Custonaci, Trapani, Erice, San Vito Lo... Continua

Contro mafia, pizzo e usura, il manifesto di 15 associazioni d’imprese della Sicilia

  No all’usura, al pizzo, alla mafia. Un'iniziativa corale con cui gli imprenditori di 15 associazioni ripudiano l'illegalità e si impegnano a denunciare ogni rischio di infiltrazione criminale. Una massa critica di circa 90.000 imprese che scelgono di fare fronte comune contro ogni tipo di minaccia criminale e di rivolgersi, insieme, a tutte le imprese oggi in Sicilia, anche non associate. Un impegno forte in un momento – quello post Covid - in cui la fragilità del tessuto economico espone le imprese... Continua

Progetto See Sicily da 75mln di euro: Regione acquista servizi turistici dagli operatori e ne promuove la vendita

Turismo, ecco come funzioneranno i voucher della Regione Siciliana. Tavolo tecnico di confronto ieri tra l’assessore Manlio Messina e gli operatori. In via di definizione la procedura di attuazione del progetto See Sicily di promozione turistica, voluto dal governo Musumeci, che attraverso le risorse previste nella legge finanziaria regionale prevede, per favorire la ripresa delle attività turistiche e dell’occupazione dall’attuale periodo di crisi derivante dall’emergenza sanitaria Covid-19, che l’assessorato regionale del Turismo investa 75 milioni per l’acquisto anticipato di pacchetti di... Continua