denaro euro

L’Assessorato regionale dell’Economia accoglie la proposta di Assoconfidi Sicilia: si rafforza l’offerta finanziaria per le imprese siciliane.

Proposta di Assoconfidi Sicilia accolta dal Governo regionale sull’ulteriore 3% di contributo a fondo perduto: adesso le imprese possono usufruire di ben l’11% a fondo perduto sui finanziamenti richiesti.

La pandemia da Covid-19 ha già determinato perdite in termini di vite umane e sta anche delineando uno scenario drammatico per le ricadute negative sull’economia e sull’occupazione. In vista della fase 2, oggi è necessario immettere quanta più liquidità possibile nelle casse delle imprese siciliane e in quest’ottica il Governo regionale ha già varato diversi interventi per sostenere, con le risorse pubbliche, i finanziamenti che verranno erogati dalle banche e dagli intermediari finanziari.
 
In particolare, il “Fondo Sicilia”, istituito lo scorso giugno e gestito da Irfis-Fin Sicilia S.p.A., è pari a 84,7 milioni di euro e su di esso sono stati modulati i due decreti, del 23 marzo e dell’1 aprile, dell’assessore regionale dell’Economia, Gaetano Armao, con i quali è stata prevista una misura straordinaria di liquidità (MSL) per fornire immediato sostegno finanziario alle imprese siciliane danneggiate dall’emergenza epidemiologica. Contestualmente Assoconfidi Sicilia aveva avanzato diverse proposte all’Assessore Armao finalizzate proprio all’immissione di liquidità nelle casse delle aziende.
 
Di queste, la prima è stata approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore Armao e riguarda il contributo a fondo perduto sui finanziamenti alle imprese con sede in Sicilia concessi dalle banche o dagli intermediari finanziari ex art. 106 T.U.B. e assistiti dalla garanzia dei confidi riconosciuti dalla Regione Siciliana. Questo contributo, pari al 3% del finanziamento erogato e sino a un massimo di 3mila euro che può essere concesso all’impresa beneficiaria o al confidi stesso, si somma a quello dell’8% e sino a un massimo di 8mila euro già previsto per le banche e gli intermediari finanziari. In questo modo le imprese siciliane potranno usufruire di ben l’11% di contributi a fondo perduto del finanziamento erogato e sino a un massimo di 11mila euro. Quanto previsto comporterà la modifica della convenzione stipulata proprio tra Irfis e Assoconfidi Sicilia lo scorso 19 dicembre alla presenza dell’Assessore Armao. 
 
Gaetano Armao«Ritengo – precisa l’Assessore regionale dell’Economia, Gaetano Armao – che il Governo regionale stia tentando di mettere in campo quante più soluzioni possibili per raccogliere il grido di aiuto lanciato dalle imprese siciliane. Il momento storico che stiamo vivendo, unico dal dopoguerra a oggi, è drammatico e il nostro impegno è tutto finalizzato a smobilitare quante più risorse a nostra disposizione per una cura massiccia della nostra economia. In ciò i confidi hanno sempre mostrato apertura e hanno fornito proposte sostenibili e tra queste proprio quella di aumentare ancora di un ulteriore 3% il contributo a fondo perduto già previsto sugli oneri e gli interessi per spese di istruttoria. Uniti riusciremo a risollevarci».
 
«L’intervento dei confidi – dichiara Rosario Carlino, presidente di Assoconfidi Sicilia – è sempre stato animato dal sostegno alle nostre imprese, grazie anche al bagaglio tecnico maturato in questi decenni. Ringraziamo l’Assessore Armao per aver accolto la nostra proposta, consapevoli delle difficoltà nelle quali tutti siamo chiamati a operare. Siamo certi che valuterà altrettanto positivamente le restanti proposte tutte legate dall’unico e comune obiettivo di immettere liquidità sul mercato e semplificare le procedure di erogazione. Ringraziamo anche Irfis per l’attenzione e il lavoro che sta svolgendo in questo particolare periodo. Alle nostre imprese, infatti, servono risorse e tempi rapidi».

Nuovi assessori regionali Toni Scilla (Agricoltura) e Marco Zambuto (Funzione pubblica), buon lavoro da AGCI Sicilia

  Mini rimpasto al Governo della Regione Siciliana. Avvicendamento di due assessori espressi da Forza Italia nella Giunta Musumeci: Edy Bandiera passa il testimone a Tony Scilla all’Agricoltura, a Bernadette Grasso succede Marco Zambuto alla Funzione pubblica. “Esprimiamo agli assessori uscenti Edy Bandiera e Bernadette Grasso il nostro sincero ringraziamento per il proficuo rapporto improntato all’intenso dialogo istituzionale, che ha consentito in questi anni un costante confronto su politiche programmatiche, criticità e soluzioni”, dichiara Michele Cappadona, presidente regionale dell’Associazione Generale delle Cooperative... Continua

Resto al Sud, estesa a 55 anni età massima beneficiari nella Finanziaria 2021 appena approvata

  La Manovra deliberata alla Camera il 27 dicembre e che ha avuto oggi il sì del Senato estende l’età massima dei beneficiari da 45 a 55 anni. Il comma 170 dell’art. 1 della Legge di Bilancio 2021 emenda così la disciplina della misura Resto al Sud, introdotta dal D.L. n. 91/2017 (Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno), volta ad incentivare la nascita di nuove realtà imprenditoriali ad opera di giovani imprenditori nelle regioni del Meridione, in Abruzzo, Basilicata, Calabria... Continua

Firmato rinnovo contratto nazionale lavoratori delle cooperative e consorzi agricoli

Previsto aumento a regime del 4,55%. Novità sulla disciplina della maternità obbligatoria  e in tema di assistenza ai familiari anziani, e tutela per vittime di violenza di genere nei luoghi di lavoro. Siglato venerdì 18 dicembre dalle centrali cooperative Agci-Agrital, Confcooperative-Fedagripesca e Legacoop-agroalimentare e dalle organizzazioni sindacali Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, il rinnovo del contratto collettivo nazionale per i lavoratori dipendenti delle cooperative e consorzi agricoli.L’accordo, che è stato firmato dopo una trattativa negoziale lunga e complicata, ha una durata di quattro anni... Continua