Coooperfidi SudUp

Cooperfidi Italia Società Cooperativa, con sede a Bologna, è il consorzio fidi di riferimento dell’economia cooperativa, del no-profit e del settore primario.

Il consiglio di amministrazione di Cooperfidi Italia ha deliberato la nomina di Dino Forini a direttore generale che vanta una pluriennale e consolidata esperienza manageriale in ambito bancario maturata presso primari gruppi nazionali (Interbanca, Efibanca, Banco Popolare e Banca Regionale di Sviluppo) oltre a conoscere approfonditamente il sistema della cooperazione per essere stato negli ultimi anni Credit Manager di CCFS – Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo.
Nella sua carriera ha acquisto importanti competenze in analisi finanziaria, valutazione del credito, ristrutturazione finanziaria, finanza d’impresa e business planning. Alle conoscenze tecniche unisce doti di leadership, capacità negoziale e forte orientamento ai risultati, un insieme di competenze ritenute dal Consiglio essenziali al fine di permettere a Cooperfidi Italia di realizzare l’importante percorso di crescita e sostenibilità previsto nei prossimi anni. Nell’augurare buon lavoro a Dino Forini, Il Consiglio esprime un caloroso ringraziamento per la sapienza con cui ha guidato l’organizzazione all’uscente Direttore Generale Ferruccio Vannucci che, dopo oltre 8 anni, lascia la carica per raggiunta età pensionabile.

“Intanto un grande grazie a Ferruccio Vannucci che ha guidato Cooperfidi sin qui. Senza la sua dedizione e competenza non avremmo potuto raggiungere i risultati che abbiamo conseguito in questi anni importanti e difficili. Il lavoro che attende il nuovo direttore generale è focalizzato sulla necessità di accorciare la distanza tra le cooperative e le risorse finanziarie necessarie alla loro tenuta e al loro sviluppo. Un impegno ancor più cogente alla luce del devastante impatto dell’emergenza sanitaria sull’economia. Sono sicuro che la qualità e l’esperienza di Dino Forini porteranno all’interno di Cooperfidi Italia la managerialità e l’innovazione necessarie per accrescere ulteriormente la nostra capacità di intervento al fianco delle cooperative e contribuire alla ripresa e al rilancio del sistema cooperativo”. Così il presidente di Cooperfidi Italia Mauro Frangi.

“Ringrazio il Consiglio di Amministrazione per la fiducia. Sono particolarmente felice – dice Forini – di essere alla guida operativa di Cooperfidi Italia, una società che in questi anni ha saputo crescere in un mercato complesso e competitivo mantenendo un buon equilibrio patrimoniale. La sfida che aspetta me e tutta la squadra è complessa ma affascinante: far crescere il mondo della cooperazione abbinando visione e rigore, innovazione e pragmatismo. Per ottenere gli sfidanti obiettivi che ci pone il CdA sarà importante creare una squadra coesa che sappia lavorare all’unisono con competenza, spirito di sacrificio, disponibilità al cambiamento e all’innovazione”.

Chi è Coopefidi Italia (www.cooperfidiitalia.it)

Cooperfidi Italia Società Cooperativa, con sede a Bologna, è il confidi di riferimento dell’economia cooperativa, del no-profit e del settore primario. Si propone di colmare la distanza tra le aziende socie, piccole e medie imprese cooperative e non, e le risorse finanziarie necessarie al loro sviluppo attraverso una collaborazione leale, professionale e finalizzata al conseguimento del risultato del cliente/socio. Il Consorzio fa parte del ristretto novero dei confidi vigilati dalla Banca d’Italia a norma dell’articolo 106 del T.U. Bancario. Con sedi a Bologna, Milano, Roma, Firenze e Napoli al 31/12/19 contava 6.247 soci e un totale di garanzie deliberate pari € 49,1 milioni.

 

 

Decreto Rilancio, confidi 106 ancora più “banche”. In Sicilia, Confeserfidi pronto a erogare direttamente 120 mln alle Pmi

Il "Decreto Rilancio", da poco convertito in legge, trasforma di fatto i 32 confidi 106 vigilati da Banca d’Italia in soggetti "bancari" in grado di erogare ingenti finanziamenti diretti alle imprese. ConfeserFidi è già pronto a mettere a disposizione delle Pmi siciliane e italiane 120 mln di euro sotto forma di finanziamenti diretti o di fidejussioni o di acquisto crediti.Un’importante novità per le Pmi che abbiano bisogno di maggiore attenzione, velocità ed efficienza di risposta al bisogno di liquidità rispetto a... Continua

Approvato un piano da 250 mln di euro per la valorizzazione della “Risorsa Mare” dei 9 comuni costieri del trapanese

  Attraverso lo strumento finanziario del Contratto Istituzionale di Sviluppo, il territorio si candida ad ottenere risorse fino a 250 milioni di euro, in un unico pacchetto di investimenti integrati. Nel corso dell’assemblea della  Fondazione “Torri e tonnare del litorale trapanese”, il 29 giugno  è stato approvato il documento preliminare  del piano di valorizzazione della “Risorsa Mare” dei comuni costieri della Sicilia Occidentale. I 9 Comuni Costieri del trapanese (Mazara del Vallo, Petrosino, Marsala, Paceco, Valderice, Custonaci, Trapani, Erice, San Vito Lo... Continua

Contro mafia, pizzo e usura, il manifesto di 15 associazioni d’imprese della Sicilia

  No all’usura, al pizzo, alla mafia. Un'iniziativa corale con cui gli imprenditori di 15 associazioni ripudiano l'illegalità e si impegnano a denunciare ogni rischio di infiltrazione criminale. Una massa critica di circa 90.000 imprese che scelgono di fare fronte comune contro ogni tipo di minaccia criminale e di rivolgersi, insieme, a tutte le imprese oggi in Sicilia, anche non associate. Un impegno forte in un momento – quello post Covid - in cui la fragilità del tessuto economico espone le imprese... Continua