Peschereccio Tramontana

Decreto ministeriale aumenta giornate fermo pesca e impedisce flessibilità sulle specie da catturare. AGCI Agrital: "Disposizioni ingiuste e inaccettabili".

Giovanni Basciano 450“Già si pesca pochi mesi all'anno sia per le restrizioni che per il maltempo, gli spazi di mare dove pescare sono sempre più ridotti e si pensa solo ad ulteriori riduzioni di giornate lavorative? Non è possibile pensare che la salvaguardia delle risorse ittiche passi solo attraverso la distruzione della pesca professionale. Bisogna urgentemente rivedere i meccanismi che stanno alla base delle politiche europee di gestione della pesca, tutte orientate a ridurre la pesca a quattro barchette di pochi metri buone per le cartoline ma non per sostenere economia ed occupazione.”

È quanto afferma Giovanni Basciano, vicepresidente nazionale di AGCI Agrital e responsabile Pesca Sicilia dell'Associazione Generale delle Cooperative Italiane, in merito alla pubblicazione del decreto nazionale che fissa un aumento delle giornate di fermo della pesca a strascico nel 2021 rispetto allo scorso anno.

“Abbiamo denunciato lo scarso coinvolgimento sulla decisione con le associazioni di settore e chiediamo che vengano urgentemente prese le iniziative per arrivare ad una modifica del Decreto. Inoltre è inaccettabile quanto previsto al comma 3 dell’art 2 del Decreto che prevede che i pescatori debbano dichiarare se intendono catturare gamberi (rossi, viola o rosa) o andare a pesci, dichiarazione che varrebbe per tutto l’anno, il che significa diminuire ulteriormente la flessibilità gestionale delle imprese costrette a fare un solo mestiere, obbligandole ad operare tutto l’anno sulle stesse risorse.”

 

Terzo settore Distretto 39 - ASP Palermo: on line manifestazione di interesse per partecipare a Ufficio di Piano e Rete territoriale per la protezione e inclusione sociale

Tutti i soggetti del Terzo Settore possono manifestare il proprio interesse sino al 25 gennaio 2022 per partecipare all’Ufficio di Piano e alla Rete territoriale per la protezione e inclusione sociale del Distretto sociosanitario 39, che fa parte dell’ASP 6 di Palermo. 
 Le “Linee guida per la programmazione del Piano di Zona 2021” approvate con D.P. n.574/GAB (GURS n. 33 del 30/07/2021), prevedono che il Comitato dei Sindaci del Distretto 39 che comprende i comuni di Bagheria (capofila) Altavilla Milicia, Casteldaccia, Ficarazzi... Continua

Politiche sociali, Scavone: «Oltre 29 milioni ai Comuni per assistenza verso soggetti in situazione di fragilità» 

Contributi per avviare servizi per la prima infanzia (fascia 0-3 anni), centri di aggregazione per minori nella fascia compresa fra i 4 e i 18 anni, strutture diurne per anziani e persone con limitazioni nell'autonomia o, ancora, consultori familiari e case-famiglia per donne vittime di violenza e in situazione di fragilità. Recuperare edifici pubblici per arricchire i Comuni di servizi per l'infanzia, l'adolescenza e gli anziani, migliorando la qualità della vita e frenando l'esodo dai piccoli centri. È la visione innovativa... Continua

Formazione in azienda, Lagalla: «Altri 14 milioni per la qualificazione professionale di disoccupati e inoccupati». Ammesse anche le imprese a vocazione sociale.

I progetti possano essere congiuntamente proposti dagli enti di formazione professionale e dalle aziende, con l’obiettivo di migliorare la competitività dei processi produttivi aziendali. La partecipazione è estesa ad imprese del terzo settore e nelle attività a vocazione sociale. Particolare attenzione è rivolta alle imprese del settore agroalimentare, manifatturiero, artigianale, edilizio, delle tecnologie dell’informazione e comunicazione, del turismo e dei beni culturali. La nuova edizione dell’Avviso 33, iniziativa promossa dall’assessorato all’Istruzione e Formazione professionale della Regione, finanzia, con 14 milioni di euro... Continua