mimmo turano

Le imprese siciliane che si trovano all’interno delle zone economiche speciali della Sicilia occidentale e della Sicilia orientale possono presentare all’Agenzia delle Entrate la comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nelle aree Zes, zone economiche speciali.

Pronto il nuovo modulo 2021. L’accesso all’agevolazione fiscale prevista dalla legge di bilancio nazionale è in vigore dal primo aprile ed è stato possibile grazie all’approvazione dei piani strategici preparati dalla Regione Siciliana per le due Zes siciliane e alla loro istituzione da parte del governo nazionale nel giugno dello scorso anno.


In particolare le imprese siciliane che intraprendono una nuova attività economiche nelle Zes potranno usufruire di una riduzione del 50% dell’imposta sul reddito derivante dallo svolgimento di tale attività. Per ottenere le agevolazioni le imprese beneficiarie dovranno mantenere la loro attività e conservare i posti di lavoro creati nell’ambito dell’attività avviata nelle Zes per almeno dieci anni. Il mancato rispetto di tali condizioni comporterà la decadenza dal beneficio e l’obbligo di restituzione dell’agevolazione di cui si è già usufruito.

«Il credito d’imposta per le Zes – spiega l’assessore alle Attività produttive della Regione Siciliana Mimmo Turano – è il primo passo delle neo istituite zone economiche speciali e sono certo che sarà molto apprezzato dalle imprese che investono ed intendono investire nelle Zes siciliane. Il ministro per il Sud Carfagna ha evidenziato recentemente in parlamento che occorre eliminare ostacoli e lentezze e dare nuovo impulso alle Zes: sono assolutamente d’accordo e auspico che si possa collaborare attivamente con il ministro per arrivare presto alla nomina dei commissari, e dare così una governance operativa alle Zes».



Le imprese siciliane che vorranno usufruire del credito d’imposta per gli investimenti nelle Zes dovranno verificare la coerenza dei dati catastali delle proprie attività e successivamente inoltrare telematicamente all’Agenzia delle Entrate il modello apposito approvato dall’agenzia.
La principale modifica del modello riguarda l’introduzione, nel quadro B, di specifici campi riservati agli investimenti e al credito d’imposta relativi all’anno 2021. Le modifiche al modulo permettono ai beneficiari di fruire del credito d’imposta Mezzogiorno e del credito d’imposta Zes maturato, appunto, nell’anno in corso.
La comunicazione può essere presentata all’Agenzia delle Entrate solo in modalità telematica, utilizzando la versione aggiornata del software “Creditoinvestimentisud” (CIM17) relativo al credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno.

Qui il LINK con il nuovo modulo e le istruzioni di compilazione.



Qui il LINK Agenzia per la coesione territoriale – Zes Sicilia Orientale e Occidentale

Pallanuoto. TeLiMar Palermo batte a Napoli il Posillipo 13-7 nella 3ª giornata di A1

Giliberti, presidente TeLiMar: «Meritata vittoria con risultato mai in discussione. Benissimo sia in difesa che in attacco, con ritmi di gioco sostenuti. Se ora la Piscina Olimpica Comunale di Palermo garantirà apertura continua, avremo modo di lavorare per bene nel prosieguo di Campionato». A Napoli è tempo di riscatto per il TeLiMar Palermo, che nella terza giornata del Campionato di A1 batte il Circolo Nautico Posillipo 13-7. Avvio del match prorompente per il Club dell’Addaura che va subito sul +5. Da lì in avanti, con una perfetta... Continua

Cordoglio nel mondo della cooperazione siciliana per la morte di Pino Occhipinti

È morto stamattina a Scicli, dopo una malattia durata alcuni mesi, Pino Occhipinti, vicepresidente vicario Legacoop Sicilia, di cui è stato anche presidente provinciale di Ragusa e del settore agroalimentare regionale. “Con viva commozione mi unisco al cordoglio del mondo della cooperazione siciliana per la scomparsa dell’amico Pino Occhipinti, a cui mi sento legato da una lunga frequentazione in tantissime occasioni in cui ho avuto modo di apprezzare l’impegno di rappresentanza, anche politica”, dice Michele Cappadona, presidente regionale dell’Associazione Generale delle... Continua

Attività culturali e creative, dal Pnrr 115 milioni di euro di contributi a fondo perduto per favorire la transizione digitale

Parte il 3 novembre 2022 il nuovo incentivo “Transizione digitale organismi culturali e creativi” (TOCC), per l’erogazione di contributi a fondo perduto in favore di micro e piccole imprese, enti del terzo settore e organizzazioni profit e no profit, operanti nei settori culturali e creativi per favorire l’innovazione e la transizione digitale. L’incentivo può contare su una dotazione finanziaria di 115 milioni di euro prevista dal PNRR. Domande da presentare attraverso Invitalia. L’avviso pubblicato dal ministero della Cultura ha l'obiettivo favorire l’avanzamento... Continua