Middelgrunden wind farm

I Comuni della provincia di Trapani hanno dichiarato il loro dissenso alla realizzazione del parco eolico off shore Renexia.

AGCI-Agrital e AGCI Pesca Sicilia esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto.

Parere contrario all’istanza della società Med Wind Italia S.r.l. (ex Renexia S.p.A.) di rilascio di concessione demaniale marittima per l’installazione ed esercizio, a largo della costa occidentale della Sicilia, di un parco eolico off-shore e delle relative opere elettriche di connessione, della superficie complessiva di 18.505.195,00 mq.

comparazione dimensioni impianto eolicoI Comuni della provincia di Trapani riuniti in videoconferenza promossa il 20 aprile dal sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, hanno espresso il loro dissenso alla realizzazione del mega parco eolico offshore da 190 torri di oltre 200 metri di altezza al largo delle isole Egadi ritenendo che restano da valutare tanti rischi:  le interazioni con l’avifauna stanziale e migratoria, l’impatto socio economico nel comparto della pesca e della filiera correlata, gli effetti dei disturbi elettromagnetici, l’impatto visivo, l’impatto acustico sulla fauna marina, le interazioni con il traffico navale, i potenziali impatti sui reperti archeologici presenti nell’area di interesse.
“Esprimo soddisfazione per questo risultato – dice Giovanni Basciano, vicepresidente AGCI-AGRITAL e responsabile AGCI Pesca Sicilia - e ringrazio il Sindaco di Trapani Giacomo Tranchida per l'ottimo lavoro svolto e tutte le amministrazioni comunali per la sensibilità dimostrata. La pesca d’altura siciliana non può vedere la continua perdita di aree di pesca che per svariati usi (ZEE, usi militari, condotte sottomarine, Fisheries Restricted Areas, impianti eolici off-shore) vengono sottratte a questa importante attività che assieme alla filiera che ad essa è legata rappresentano un pezzo non trascurabile dell’economia e dell’occupazione della provincia di Trapani. Non bisogna però - continua Basciano - abbassare la guardia e pertanto invito tutti gli amici delle altre associazioni di categoria, dei sindacati dei lavoratori e della società civile, alla massima vigilanza ed a tenersi pronti per una battaglia in difesa della nostra pesca che è appena iniziata.”


LEGGI ANCHE

L'enorme parco eolico off-shore di Renexia. "La fine della pesca delle nostre marinerie", denuncia Basciano AGCI Agrital

Il TeLiMar Palermo si impone di misura 9-8 contro la De Akker di Bologna

Il TeLiMar pallanuoto espugna la Longo di Bologna: contro la De Akker finisce 9-8

Marcello Giliberti, presidente TeLiMar: «Al termine di un match durissimo portiamo a casa questi meritatissimi tre punti, che ci lanciano al quarto posto in classifica». Conquista tre punti fondamentali il TeLiMar nella prima giornata del round Scudetto di A1. Alla piscina Carmen Longo di Bologna, contro la De Akker finisce 9-8 un match molto fisico e inizialmente equilibrato. I padroni di casa provano lo strappo nel secondo tempo. Un leggero calo dei felsinei, ma soprattutto la reazione del Club dell’Addaura permettono... Continua

Minacce di morte al senatore messinese Germanà, solidarietà AGCI Sicilia

Il senatore Nino Germanà

«Nell’apprendere delle minacce di morte indirizzate via social media al senatore Nino Germanà per il suo impegno politico in favore della realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina - dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane - manifesto il mio personale sdegno e la piena solidarietà a nome di AGCI Sicilia. Siamo certi che il senatore Germanà non si farà intimidire da questo e da analoghi vili attacchi, respinti dall’interessato e dall’intera società civile. Auspichiamo anzi un sempre... Continua

Pesca e acquacoltura. Basciano, AGCI: «Settore in gravi difficoltà, governo Sicilia approva 116 mln programma Feampa, associazioni non consultate»

Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa)

Annunciato l’inizio dell’operatività in Sicilia del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa), che comprende una serie di interventi per il settore, in parte gestiti centralmente dal ministero (MASAF) ed in parte dalle regioni. Il ministero tra l’altro gestirà il ritiro definitivo di chi deciderà di rottamare l’imbarcazione e consegnare la licenza di pesca. Sostenere l’economia blu e stimolare attività di pesca e acquacoltura innovative e sostenibili sono alcuni degli obiettivi del Programma nazionale del Feampa 2021-2027... Continua