Middelgrunden wind farm

I Comuni della provincia di Trapani hanno dichiarato il loro dissenso alla realizzazione del parco eolico off shore Renexia.

AGCI-Agrital e AGCI Pesca Sicilia esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto.

Parere contrario all’istanza della società Med Wind Italia S.r.l. (ex Renexia S.p.A.) di rilascio di concessione demaniale marittima per l’installazione ed esercizio, a largo della costa occidentale della Sicilia, di un parco eolico off-shore e delle relative opere elettriche di connessione, della superficie complessiva di 18.505.195,00 mq.

comparazione dimensioni impianto eolicoI Comuni della provincia di Trapani riuniti in videoconferenza promossa il 20 aprile dal sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, hanno espresso il loro dissenso alla realizzazione del mega parco eolico offshore da 190 torri di oltre 200 metri di altezza al largo delle isole Egadi ritenendo che restano da valutare tanti rischi:  le interazioni con l’avifauna stanziale e migratoria, l’impatto socio economico nel comparto della pesca e della filiera correlata, gli effetti dei disturbi elettromagnetici, l’impatto visivo, l’impatto acustico sulla fauna marina, le interazioni con il traffico navale, i potenziali impatti sui reperti archeologici presenti nell’area di interesse.
“Esprimo soddisfazione per questo risultato – dice Giovanni Basciano, vicepresidente AGCI-AGRITAL e responsabile AGCI Pesca Sicilia - e ringrazio il Sindaco di Trapani Giacomo Tranchida per l'ottimo lavoro svolto e tutte le amministrazioni comunali per la sensibilità dimostrata. La pesca d’altura siciliana non può vedere la continua perdita di aree di pesca che per svariati usi (ZEE, usi militari, condotte sottomarine, Fisheries Restricted Areas, impianti eolici off-shore) vengono sottratte a questa importante attività che assieme alla filiera che ad essa è legata rappresentano un pezzo non trascurabile dell’economia e dell’occupazione della provincia di Trapani. Non bisogna però - continua Basciano - abbassare la guardia e pertanto invito tutti gli amici delle altre associazioni di categoria, dei sindacati dei lavoratori e della società civile, alla massima vigilanza ed a tenersi pronti per una battaglia in difesa della nostra pesca che è appena iniziata.”


LEGGI ANCHE

L'enorme parco eolico off-shore di Renexia. "La fine della pesca delle nostre marinerie", denuncia Basciano AGCI Agrital

Attività produttive, pubblicato bando per fiere internazionali. In calendario 10 appuntamenti fieristici per le Pmi siciliane

Cibus (Parma), Smau (Milano), Sana (Bologna), Anuga (Colonia), Tutto Food (Milano), Big Five (Dubai), Marmo Mac (Verona), Artigiano in fiera (Milano), Food&Life (Monaco), Ho.Mi. Casa (Milano). La Sicilia torna a partecipare alle fiere nazionali e internazionali dopo la lunga pausa imposta dalla pandemia da Covid-19. Pubblicato dall'assessorato regionale alle Attività produttive (nell’ambito dell’Azione 3.4.1 del PO Fesr 2014/2020) l’avviso a manifestazione d’interesse per la partecipazione di piccole e medie imprese siciliane - dei settori agroalimentare, casa e design, agroalimentare (biologico), edilizia e... Continua

Al via fino al 9 settembre finanziamenti e contributi a microPMI e liberi professionisti, 73mln dal Fondo Sicilia

Le istanze potranno essere presentate dalle ore 10:00 del 22 Luglio 2021 alle ore 17:00 del 9 Settembre 2021 esclusivamente sulla piattaforma online all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it Finanziamento e contributo vengono concessi alle condizioni del bando pubblicato da Irfis FinSicilia, che gestisce il Fondo Sicilia. Imprese e liberi professionisti potranno accedere alla piattaforma digitale dedicata mediante SPID (livello 2) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Preliminarmente alla compilazione della domanda, è opportuno consultare la guida utente.L’agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato... Continua

Bonus Sicilia Aree Urbane, 14mila domande. AGCI e FISM: “Imprese educative escluse a Palermo, codici Ateco scelti dalla Regione senza consultare gli organismi di categoria”

Sono 14.132 le domande trasmesse online dall'1 al 13 luglio per il "Bonus Sicilia - aree urbane", il contributo a fondo perduto con il quale la Regione siciliana sostiene il sistema produttivo colpito dalla pandemia di Palermo e Bagheria, Messina, Enna e Caltanissetta, Ragusa, Modica e Agrigento. Alle microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi aventi sede nelle aree urbane degli otto comuni siciliani che hanno un codice Ateco prevalente tra quelli previsti per ciascuna area territorale, saranno ripartiti 25.610.028,88 euro. “È naturalmente... Continua