Giovanni Schiavone e Fabio Travaglini

“Occorre dare spazio all’imprenditorialità giovanile, sostenendo un processo di cambiamento, rinnovamento e facendo dell’Associazione un laboratorio di ricerca, all’interno del quale sviluppare il “sapere” e il “saper fare”, ha dichiarato Giovanni Schiavone, presidente nazionale AGCI durante i lavori della Consulta dei Giovani Cooperatori, quale organismo consultivo di dialogo permanente e collaborativo della Presidenza nazionale, composto su basi paritetiche dai giovani rappresentanti, designati dalle articolazioni regionali.

“La mozione presidenziale, approvata dal Congresso nazionale del 9-10 Dicembre 2020 - ha aggiunto Schiavone - ha posto tra gli obiettivi prioritari del mandato politico programmatico della Presidenza nazionale, l’ideazione di programmi innovativi che diano spazio alla rappresentanza giovanile, alla partecipazione ed alla costruzione di un moderno pensiero cooperativo”.

“Ringrazio il Presidente Schiavone e i giovani cooperatori di tutta Italia per la fiducia che hanno riposto in me". Queste le parole di Fabio Travaglini, il neo eletto Presidente dei Giovani Cooperatori AGCI, nonché Vicepresidente di AGCI Abruzzo, continuando: “Il mondo della cooperazione è costituito da giovani soci e lavoratori che l’Associazione deve tutelare, sostenere con incisività, tenendo ben presente i valori del movimento cooperativo che noi tutti condividiamo”.
“Da domani - ha affermato Travaglini - saremo subito al lavoro per un programma di iniziative sui territori a sostegno dei giovani cooperatori utilizzando gli strumenti che la rete AGCI mette a disposizione, a partire dalla formazione e dall’accesso al credito. L’ufficio di Presidenza Nazionale che oggi abbiamo eletto per il prossimo mandato rappresenta tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, con un’ottima squadra da cui nasceranno idee e progetti innovativi per il futuro”.

Questi i nomi dei rappresentanti dei giovani Cooperatori AGCI: Alessandra Colucci (Basilicata); Francesco Emanuel Raso e Carmelo Romeo (Calabria); Marilena Zoppo (Campania); Lorenzo Fae (Emilia Romagna); Cristina Gorizzizzo (Friuli Venezia Giulia); Alessandro Pontieri (Lazio); Matteo Incerti (Liguria); Sonia De Santis (Lombardia); Loris Forestieri (Marche); Andrea De Fenza (Molise); Giorgia Gigante (Piemonte); Andrea Lembo (Puglia); Luigi Carmelo Pisu, (Sardegna); Antonella Cappadona (Sicilia); Lorenzo Chiani e Mattia Cei (Toscana); Giacomo Maestri (Trentino Alto Adige); Gabriele Nardini (Umbria); Emanuele Molon (Valle D’Aosta); Mattia Cabrele (Veneto); Antonio Cardia (Cagliari/Oristano).

Siccità Sicilia. Cartabellotta emana la prima ordinanza di semplificazione per superare crisi ed emergenza idrica

Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta

Interventi di contrasto alla siccità, emanate le prime norme per snellire le procedure. Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta ha firmato la sua prima ordinanza che mira a semplificare l'iter burocratico per le aziende, consentendo loro di accedere più facilmente alle risorse idriche necessarie alle attività produttive, nel rispetto dell’ambiente. Più precisamente, l’ordinanza commissariale n. 1 del 10 aprile 2024 deroga, per il periodo necessario al superamento della criticità idrica, alle prescrizioni contenute nel decreto del... Continua

Impianti sportivi, Comune di Palermo approva progetto PRUSST Telimar. Due nuove piscine per il nuoto di ogni età e attività agonistiche internazionali

Dopo 18 anni il Consiglio Comunale di Palermo approva il progetto definitivo di potenziamento del TELIMAR, che prevede nell’area di proprietà della struttura di sport nautici dell’Addaura la realizzazione di una piscina semi-olimpionica da 25 metri x 16,5 ed un’altra vasca di ambientamento da 6 metri x 16.5. Obiettivo è promuovere gli sport del nuoto nel territorio cittadino, organizzando corsi gratuiti a favore di bambini, di anziani e di soggetti diversamente abili, potenziare l’attività agonistica nazionale ed internazionale e avviare iniziative... Continua

Ocm vino 2024-2025, 8 milioni di euro a bando, contributi fino al 50% per investimenti delle cantine siciliane

Aiuti destinati a micro, piccole e medie imprese che producono vino: sono circa 300 le cantine siciliane potenzialmente interessate agli aiuti, secondo il dipartimento regionale Agricoltura. Pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana il bando della campagna 2024-2025 per le imprese del settore vinicolo. La dotazione finanziaria è di 8 milioni di euro, a valere sulle risorse comunitarie. L'aiuto massimo previsto è pari al 50% dei costi d'investimento ammissibili rispetto al progetto approvato. «Bene l’avviso per i contributi alle cantine siciliane» -... Continua