Giovanni Schiavone e Fabio Travaglini

“Occorre dare spazio all’imprenditorialità giovanile, sostenendo un processo di cambiamento, rinnovamento e facendo dell’Associazione un laboratorio di ricerca, all’interno del quale sviluppare il “sapere” e il “saper fare”, ha dichiarato Giovanni Schiavone, presidente nazionale AGCI durante i lavori della Consulta dei Giovani Cooperatori, quale organismo consultivo di dialogo permanente e collaborativo della Presidenza nazionale, composto su basi paritetiche dai giovani rappresentanti, designati dalle articolazioni regionali.

“La mozione presidenziale, approvata dal Congresso nazionale del 9-10 Dicembre 2020 - ha aggiunto Schiavone - ha posto tra gli obiettivi prioritari del mandato politico programmatico della Presidenza nazionale, l’ideazione di programmi innovativi che diano spazio alla rappresentanza giovanile, alla partecipazione ed alla costruzione di un moderno pensiero cooperativo”.

“Ringrazio il Presidente Schiavone e i giovani cooperatori di tutta Italia per la fiducia che hanno riposto in me". Queste le parole di Fabio Travaglini, il neo eletto Presidente dei Giovani Cooperatori AGCI, nonché Vicepresidente di AGCI Abruzzo, continuando: “Il mondo della cooperazione è costituito da giovani soci e lavoratori che l’Associazione deve tutelare, sostenere con incisività, tenendo ben presente i valori del movimento cooperativo che noi tutti condividiamo”.
“Da domani - ha affermato Travaglini - saremo subito al lavoro per un programma di iniziative sui territori a sostegno dei giovani cooperatori utilizzando gli strumenti che la rete AGCI mette a disposizione, a partire dalla formazione e dall’accesso al credito. L’ufficio di Presidenza Nazionale che oggi abbiamo eletto per il prossimo mandato rappresenta tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, con un’ottima squadra da cui nasceranno idee e progetti innovativi per il futuro”.

Questi i nomi dei rappresentanti dei giovani Cooperatori AGCI: Alessandra Colucci (Basilicata); Francesco Emanuel Raso e Carmelo Romeo (Calabria); Marilena Zoppo (Campania); Lorenzo Fae (Emilia Romagna); Cristina Gorizzizzo (Friuli Venezia Giulia); Alessandro Pontieri (Lazio); Matteo Incerti (Liguria); Sonia De Santis (Lombardia); Loris Forestieri (Marche); Andrea De Fenza (Molise); Giorgia Gigante (Piemonte); Andrea Lembo (Puglia); Luigi Carmelo Pisu, (Sardegna); Antonella Cappadona (Sicilia); Lorenzo Chiani e Mattia Cei (Toscana); Giacomo Maestri (Trentino Alto Adige); Gabriele Nardini (Umbria); Emanuele Molon (Valle D’Aosta); Mattia Cabrele (Veneto); Antonio Cardia (Cagliari/Oristano).

Violenza sulle donne, dopo l’allarme segnalato dall’AGCI l’assessore Scavone interviene sbloccando fondi per 31 case di accoglienza

  Decretato l’impegno di spesa per quasi 900 mila euro, destinato alle case di accoglienza a indirizzo segreto e strutture di ospitalità in emergenza operanti in Sicilia, da parte del dipartimento alla Famiglia e delle politiche sociali. In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, celebrata ieri, l’amministrazione regionale sblocca risorse in questo momento vitali destinate alle imprese sociali che gestiscono i centri di assistenza, per potenziare gli strumenti in difesa delle donne vittime di abusi e per promuovere... Continua

Agricoltura, bando PSR 2,5 milioni di euro fondo perduto per la promozione dei prodotti siciliani di qualità certificata

Pubblicato sul sito del dipartimento regionale dell’Agricoltura il bando per sostenere la promozione dei prodotti agroalimentari siciliani tutelati da sistemi di qualità (Dop, Igp, Biologico, Qs). Per finanziare le proposte delle imprese c’è una dotazione di 2,5 milioni di euro, a valere sulla Sottomisura 3.2 del Programma di sviluppo rurale della Regione Siciliana. L’obiettivo del bando è migliorare la competitività dei produttori nella filiera agroalimentare favorendo proprio l’adozione di regimi che garantiscono al consumatore le straordinarie caratteristiche dei nostri prodotti, sia sul... Continua

Sicilia, dalla Regione 200 milioni di sostegni alle imprese colpite all’emergenza Covid. Avviso in pubblicazione, istanze su piattaforma online

Finanziamenti agevolati a tasso zero estesi a tutti i codici Ateco; contributi a fondo perduto associati a finanziamenti bancari, con una formula simile alla misura straordinaria di liquidità, già gestita dall’Irfis dal 2020.  Altri duecento milioni di euro a favore delle imprese siciliane colpite dalla pandemia. A metterli a disposizione il governo della Regione attraverso la riprogrammazione delle risorse del Patto per la Sicilia. Venerdì 19 sera è stato perfezionato all’assessorato regionale all’Economia l’Accordo di finanziamento per la gestione delle agevolazioni... Continua