Giovanni Schiavone e Fabio Travaglini

“Occorre dare spazio all’imprenditorialità giovanile, sostenendo un processo di cambiamento, rinnovamento e facendo dell’Associazione un laboratorio di ricerca, all’interno del quale sviluppare il “sapere” e il “saper fare”, ha dichiarato Giovanni Schiavone, presidente nazionale AGCI durante i lavori della Consulta dei Giovani Cooperatori, quale organismo consultivo di dialogo permanente e collaborativo della Presidenza nazionale, composto su basi paritetiche dai giovani rappresentanti, designati dalle articolazioni regionali.

“La mozione presidenziale, approvata dal Congresso nazionale del 9-10 Dicembre 2020 - ha aggiunto Schiavone - ha posto tra gli obiettivi prioritari del mandato politico programmatico della Presidenza nazionale, l’ideazione di programmi innovativi che diano spazio alla rappresentanza giovanile, alla partecipazione ed alla costruzione di un moderno pensiero cooperativo”.

“Ringrazio il Presidente Schiavone e i giovani cooperatori di tutta Italia per la fiducia che hanno riposto in me". Queste le parole di Fabio Travaglini, il neo eletto Presidente dei Giovani Cooperatori AGCI, nonché Vicepresidente di AGCI Abruzzo, continuando: “Il mondo della cooperazione è costituito da giovani soci e lavoratori che l’Associazione deve tutelare, sostenere con incisività, tenendo ben presente i valori del movimento cooperativo che noi tutti condividiamo”.
“Da domani - ha affermato Travaglini - saremo subito al lavoro per un programma di iniziative sui territori a sostegno dei giovani cooperatori utilizzando gli strumenti che la rete AGCI mette a disposizione, a partire dalla formazione e dall’accesso al credito. L’ufficio di Presidenza Nazionale che oggi abbiamo eletto per il prossimo mandato rappresenta tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, con un’ottima squadra da cui nasceranno idee e progetti innovativi per il futuro”.

Questi i nomi dei rappresentanti dei giovani Cooperatori AGCI: Alessandra Colucci (Basilicata); Francesco Emanuel Raso e Carmelo Romeo (Calabria); Marilena Zoppo (Campania); Lorenzo Fae (Emilia Romagna); Cristina Gorizzizzo (Friuli Venezia Giulia); Alessandro Pontieri (Lazio); Matteo Incerti (Liguria); Sonia De Santis (Lombardia); Loris Forestieri (Marche); Andrea De Fenza (Molise); Giorgia Gigante (Piemonte); Andrea Lembo (Puglia); Luigi Carmelo Pisu, (Sardegna); Antonella Cappadona (Sicilia); Lorenzo Chiani e Mattia Cei (Toscana); Giacomo Maestri (Trentino Alto Adige); Gabriele Nardini (Umbria); Emanuele Molon (Valle D’Aosta); Mattia Cabrele (Veneto); Antonio Cardia (Cagliari/Oristano).

Attività produttive, pubblicato bando per fiere internazionali. In calendario 10 appuntamenti fieristici per le Pmi siciliane

Cibus (Parma), Smau (Milano), Sana (Bologna), Anuga (Colonia), Tutto Food (Milano), Big Five (Dubai), Marmo Mac (Verona), Artigiano in fiera (Milano), Food&Life (Monaco), Ho.Mi. Casa (Milano). La Sicilia torna a partecipare alle fiere nazionali e internazionali dopo la lunga pausa imposta dalla pandemia da Covid-19. Pubblicato dall'assessorato regionale alle Attività produttive (nell’ambito dell’Azione 3.4.1 del PO Fesr 2014/2020) l’avviso a manifestazione d’interesse per la partecipazione di piccole e medie imprese siciliane - dei settori agroalimentare, casa e design, agroalimentare (biologico), edilizia e... Continua

Al via fino al 9 settembre finanziamenti e contributi a microPMI e liberi professionisti, 73mln dal Fondo Sicilia

Le istanze potranno essere presentate dalle ore 10:00 del 22 Luglio 2021 alle ore 17:00 del 9 Settembre 2021 esclusivamente sulla piattaforma online all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it Finanziamento e contributo vengono concessi alle condizioni del bando pubblicato da Irfis FinSicilia, che gestisce il Fondo Sicilia. Imprese e liberi professionisti potranno accedere alla piattaforma digitale dedicata mediante SPID (livello 2) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Preliminarmente alla compilazione della domanda, è opportuno consultare la guida utente.L’agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato... Continua

Bonus Sicilia Aree Urbane, 14mila domande. AGCI e FISM: “Imprese educative escluse a Palermo, codici Ateco scelti dalla Regione senza consultare gli organismi di categoria”

Sono 14.132 le domande trasmesse online dall'1 al 13 luglio per il "Bonus Sicilia - aree urbane", il contributo a fondo perduto con il quale la Regione siciliana sostiene il sistema produttivo colpito dalla pandemia di Palermo e Bagheria, Messina, Enna e Caltanissetta, Ragusa, Modica e Agrigento. Alle microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi aventi sede nelle aree urbane degli otto comuni siciliani che hanno un codice Ateco prevalente tra quelli previsti per ciascuna area territorale, saranno ripartiti 25.610.028,88 euro. “È naturalmente... Continua