bimbi unsplash

Sono 14.132 le domande trasmesse online dall'1 al 13 luglio per il "Bonus Sicilia - aree urbane", il contributo a fondo perduto con il quale la Regione siciliana sostiene il sistema produttivo colpito dalla pandemia di Palermo e Bagheria, Messina, Enna e Caltanissetta, Ragusa, Modica e Agrigento.

Alle microimprese artigiane, commerciali, industriali e di servizi aventi sede nelle aree urbane degli otto comuni siciliani che hanno un codice Ateco prevalente tra quelli previsti per ciascuna area territorale, saranno ripartiti 25.610.028,88 euro.

Vincenzo Palazzotto Q“È naturalmente apprezzabile ogni misura messa in campo dalla Regione Siciliana di sostegno all’economia in relazione all’emergenza da Covid-19”, dichiara Vincenzo Palazzotto, responsabile per la provincia di Palermo di AGCI Solidarietà, sigla di settore delle imprese sociali in cui ricade il comparto delle scuole materne dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia. “Non possiamo però non segnalare - continua Palazzotto - che se gli aiuti vengono assegnati solo a particolari attività produttive, identificate da un preciso codice Ateco, la scelta dei codici delle attività non può essere 'calata dall'alto', decisa senza la consultazione e confronto con le associazioni di rappresentanza delle imprese. Non capiamo perché il comparto delle scuole materne, compreso nel codice Ateco ’85.10.00 Istruzione di grado preparatorio: scuole dell'infanzia, scuole speciali collegate a quelle primarie’, risulti ammesso al Bonus Sicilia sia a Ragusa che a Modica ma non a Palermo. Altrettanto incomprensibile è constatare che è stato escluso dal contributo a Palermo il comparto degli asili nido, compreso nel codice Ateco '88.91.00 Servizi di asili nido; assistenza diurna per minori disabili', mentre viene ammesso a Caltanissetta. È evidente il rammarico che il mancato confronto fra l’assessorato guidato dall’on. Mimmo Turano e le associazioni di rappresentanza, tra cui l’AGCI, non permetta di rendersi conto di quali siano stati i criteri con cui si siano inclusi od esclusi gli operatori economici, da un territorio all’altro".

Dario Cangialosi"Il mancato coinvolgimento delle attività economiche danneggiate dal Covid19 nelle scelte che riguardano i sostegni pubblici non è un bel segnale", commenta Dario Cangialosi, presidente della Federazione Italiana Scuole Materne-Fism Palermo, eletto lo scorso 9 luglio dal congresso provinciale cui hanno partecipato i delegati di 167 scuole materne del territorio palermitano. "La programmazione di una seria politica di aiuti per il sostegno e rilancio del territorio non può essere attuata senza ascoltare i rappresentanti delle attività produttive e con decisioni unilaterali. Auspichiamo - conclude Cangialosi - maggiore dialogo e confronto tra decisori politici e destinatari delle misure di aiuto per la ripresa economica e che venga dato il giusto riconoscimento al ruolo di scuole materne e asili nido non soltanto per l’aspetto educativo e sociale, ma per il grande insostituibile supporto in favore delle famiglie, specialmente in questo momento delicatissimo in cui l'intero tessuto economico e sociale è tuttora fortemente impegnato a contrastare le gravi conseguenze dell'emergenza Covid-19”.

Il contributo “Bonus Sicilia Aree Urbane” è previsto per tutte le istanze in regola presentate entro i termini e sarà concesso per un importo massimo di cinquemila euro sulla base della dotazione finanziaria assegnata a ogni comune diviso il numero di istanze ammesse.
Di conseguenza, in via esemplificativa dividere la dotazione finanziaria di Palermo, pari a 7.928.873,60 €, per 5.493 domande pervenute porterebbe teoricamente ad assegnare almeno 1.443,45 € a ciascun soggetto che ha presentato istanza.
Secondo i dati elaborati da InfoCamere le oltre 14mila domande presentate tra il primo e il tredici luglio provengono per il 60 per cento da imprese individuali e toccano ben 634 codici ATECO diversi.
L’Area urbana di Palermo si è confermata, rispetto alle prime rilevazioni, la prima in termini di domande trasmesse con ben 5.493 istanze. Al secondo posto Messina con 3.119 istanze seguita da Ragusa (1.532), Modica (1.163), Caltanissetta (1.037), Agrigento (632), Bagheria (599) ed Enna (557).
Le risorse disponibili per il Bonus, pari a 25.610.028,88 €, sono state ripartite su base territoriale come segue: Agrigento, 1.657.000,00 €; Bagheria, 2.278.346,88 €; Caltanissetta, 2.285.000,00 €; Enna, 2.285.000,00 €; Messina, 4.633.808,40 €; Modica, 1.261.667,00 €; Palermo, 7.928.873,60 €; Ragusa, 3.280.333,00.


 (Foto di copertina: Bimbi - ph. Nathan Dumlao on Unsplash)

Siccità Sicilia. Cartabellotta emana la prima ordinanza di semplificazione per superare crisi ed emergenza idrica

Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta

Interventi di contrasto alla siccità, emanate le prime norme per snellire le procedure. Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta ha firmato la sua prima ordinanza che mira a semplificare l'iter burocratico per le aziende, consentendo loro di accedere più facilmente alle risorse idriche necessarie alle attività produttive, nel rispetto dell’ambiente. Più precisamente, l’ordinanza commissariale n. 1 del 10 aprile 2024 deroga, per il periodo necessario al superamento della criticità idrica, alle prescrizioni contenute nel decreto del... Continua

Impianti sportivi, Comune di Palermo approva progetto PRUSST Telimar. Due nuove piscine per il nuoto di ogni età e attività agonistiche internazionali

Dopo 18 anni il Consiglio Comunale di Palermo approva il progetto definitivo di potenziamento del TELIMAR, che prevede nell’area di proprietà della struttura di sport nautici dell’Addaura la realizzazione di una piscina semi-olimpionica da 25 metri x 16,5 ed un’altra vasca di ambientamento da 6 metri x 16.5. Obiettivo è promuovere gli sport del nuoto nel territorio cittadino, organizzando corsi gratuiti a favore di bambini, di anziani e di soggetti diversamente abili, potenziare l’attività agonistica nazionale ed internazionale e avviare iniziative... Continua

Ocm vino 2024-2025, 8 milioni di euro a bando, contributi fino al 50% per investimenti delle cantine siciliane

Aiuti destinati a micro, piccole e medie imprese che producono vino: sono circa 300 le cantine siciliane potenzialmente interessate agli aiuti, secondo il dipartimento regionale Agricoltura. Pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana il bando della campagna 2024-2025 per le imprese del settore vinicolo. La dotazione finanziaria è di 8 milioni di euro, a valere sulle risorse comunitarie. L'aiuto massimo previsto è pari al 50% dei costi d'investimento ammissibili rispetto al progetto approvato. «Bene l’avviso per i contributi alle cantine siciliane» -... Continua