commissione UE Bruxelles belgium

Le organizzazioni di rappresentanza del settore della pesca di Francia, Italia e Spagna chiedono con una lettera aperta ai loro governi di non sostenere le proposte della Commissione europea di restrizione delle attività e riduzione delle giornate di pesca.

Per l’Italia, l’appello è sottoscritto da AGCI Agrital, Federcoopesca, Legacoop Agroalimentare, Federpesca, Coldiretti Impresa Pesca, UNCI Agroalimentare, UE.Coop, UNICOOP.

Le Organizzazioni rivolgono un accorato appello ai rispettivi Governi affinché pongano un limite alle misure draconiane con cui la CE sta di fatto uccidendo la pesca mediterranea, con una riduzione delle giornate di pesca annue del comparto dello strascico, il principale fornitore dei mercati ittici dei tre Paesi. La ostinata applicazione del Regolamento sul Mediterraneo occidentale, che ha già ridotto del 20% l’ attività di pesca negli ultimi due anni, sta azzerando la redditività delle imprese, che a fronte di ulteriori riduzioni non potranno che fermarsi e sbarcare gli equipaggi, con gravi ripercussioni su tutta la filiera. Una progressione inesorabile, quella resa possibile dal Regolamento, frutto di scelte ideologiche che non rendono possibile una transizione gestibile in grado di contenere gli impatti economici e sociali di una tale politica, che non ha previsto alcuno strumento di compensazione o indennizzo per le imprese. A nulla sono servite le proteste già effettuate nei porti dei tre Paesi, gli allarmi, gli appelli e i documenti prodotti da mesi: il Commissario Sinkevicius va dritto per la sua strada tracciata dalle pressioni delle ONG ambientaliste a lui care, che continuano anche in queste ore ad invocare misure di restrizione della pesca sempre più drastiche, lontane come sono dai drammi sociali che il loro estremismo sta provocando. E ciò nonostante gli sforzi già fatti per la riduzione dello sforzo di pesca e gli incoraggianti segnali di ripresa di diversi stock ittici.

Le Organizzazioni del settore chiedono ai rispettivi Governi che venga data alla pesca mediterranea la possibilità di vivere dandogli più tempo, per valutare gli impatti di quanto già attuato e per rendere gestibile sul piano sociale ed economico una transizione finora sprovvista di strumenti e sostegni adeguati.

FRANCIA: CNPMEM, CRPMEM Occitaine, CRPMEM PACA, CRPMEM Corse, OP du Sud, SATHOAN, OP du Levant

ITALIA: AGCI Agrital, Federcoopesca, Legacoop Agroalimentare, Federpesca, Coldiretti Impresa Pesca, UNCI Agroalimentare, UE.Coop, UNICOOP

SPAGNA: UNACOMAR, FACOPE, FNCP, FNCCP, CEPESCA, ASOPESCA, COINCOPESCA, Federaciòn Balear de Cofradias de Pescadores, Federacion Murciana de Cofradias de Pescadores

EUROPA: ETF

 

Furto di vino cantine Colomba Bianca, Cappadona: “Attraverso il presidente Dino Taschetta la massima solidarietà AGCI a tutti i cooperatori”

  “Apprendiamo di un nuovo furto a Campobello di Mazara ad una delle cantine associate Colomba Bianca, eccellenza tra i produttori di vino in Sicilia. Un gesto criminoso che ci rattrista. Voglio manifestare, attraverso il presidente Dino Taschetta, la mia personale vicinanza e solidarietà ai cooperatori colpiti”, dichiara Michele Cappadona, presidente Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia. Furto di vino, la notte scorsa, nella sede di produzione della cantina “Colomba Bianca” in via Selinunte a Campobello di Mazara. Ignoti si sono... Continua

Fondo imprese creative, al via le domande online sul sito Invitalia

Al via a giugno il Fondo imprese creative, l’incentivo nazionale che finanzia i progetti nel settore culturale e creativo proposti da micro, piccole e medie imprese, nuove o già avviate. Il Fondo è promosso dal Ministero dello Sviluppo economico, insieme al Ministero della Cultura. La gestione è affidata a Invitalia. La dotazione finanziaria è di 26,8 milioni di euro.La misura favorisce gli investimenti fino a 500.000 euro in attività culturali e artistiche, anche relativi al settore audiovisivo (tv, cinema e contenuti... Continua

Incentivi alle imprese, Invitalia apre sportello in convenzione con Città Metropolitana di Palermo. Per le cooperative attivi dal 2018 gli sportelli AGCI Palermo, Catania e Messina

La finalità dello Sportello è quella di accompagnare gli utenti alla realizzazione di nuove idee progettuali che valorizzano il tessuto imprenditoriale e culturale del territorio metropolitano. "Solo per fare un esempio, Resto al Sud in 4 anni ha significato, 390 milioni di investimenti Invitalia che hanno generato 993 milioni direttamente attraverso il reddito delle imprese. Queste misure promuovono la riduzione dei sussidi di disoccupazione, il gettito fiscale per il lavoro dipendente e il reddito di impresa", ha sottolineato Domenico Arcuri Amministratore... Continua