Roberto Lagalla e Antonio Scavone 

Ancora enti e imprese in difficoltà per i ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione. Gli enti di formazione protestano e chiedono l’apertura degli uffici di ragioneria della Regione fino al 23 dicembre per effettuare i pagamenti entro l’anno.

Il ritardo nei pagamenti riguarda l’avviso n. 8/2016 gestito dal Dipartimento alla Formazione, che ha lo scopo di “favorire l’inserimento lavorativo e l’occupazione dei disoccupati di lunga durata e dei soggetti con maggiore difficoltà di inserimento lavorativo, nonché il sostegno delle persone a rischio di disoccupazione di lunga durata”. In ritardo anche i pagamenti di tre avvisi dell’Assessorato alla Famiglia e politiche sociali: n. 19/2018, “Azioni per l’occupabilità di persone con disabilità, vulnerabili e a rischio di esclusione”; 29/2019 “Percorsi di formazione per assistenti familiari”; 30/2019 “Occupazione inclusiva: corsi per disabili (formazione continua)”.

Michele Cappadona 104286 43“Ancora una volta si ripropone uno scenario di grave difficoltà nei servizi assegnati attraverso bandi della Regione Siciliana a causa di inammissibili ritardi della pubblica amministrazione”, dice Michele Cappadona, presidente Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia. “I disservizi che abbiamo già segnalato al governo regionale e agli uffici competenti, riguardano gli assessorati dell’Istruzione e Formazione professionale (Roberto Lagalla) e della Famiglia e Politiche Sociali (Antonio Scavone)”.

Ad oggi, gli Enti, tra cui le imprese cooperative aderenti all’AGCI, non hanno ancora ricevuto l’acconto dei finanziamenti spettanti, anche se sono state emesse le polizze fideiussorie a garanzia dell’importo da erogare. Nonostante le ripetute richieste degli Enti agli Uffici competenti degli Assessorati regionali competenti e citati in indirizzo, non hanno ricevuto certezze sui tempi d’erogazione di quanto dovuto.
La richiesta di proroga della scadenza della chiusura per l’anno in corso della Ragioneria presso il competente ramo dell’Amministrazione sarebbe stata parzialmente accolta (per soli tre giorni, fino al 15 dicembre) per giungere a corrispondere tutti i mandati. Gli Enti di Formazione Professionale interessati, per poter erogare i servizi formativi, hanno prodotto impegni di spesa non indifferenti, sostenendo i relativi costi. Il rischio oggettivamente paventato dai Servizi preposti di programmazione e gestione delle relative attività in indirizzo è però che non si riescano a pagare entro il 15 dicembre i mandati degli avvisi in questione.
Tale eventualità rappresenterebbe un gravissimo danno sia per il servizio formativo gestito, sia per il personale degli Enti che rischiano di non poter ricevere le giuste remunerazioni per il lavoro svolto e che dovrebbero svolgere nei prossimi mesi, considerando, altresì, il pericolo che potrebbe causare il blocco dei pagamenti per effetto dell’esercizio provvisorio, che farebbe slittare le erogazioni degli acconti nei mesi di luglio e agosto 2022.

“Anche in questa occasione - continua Michele Cappadona - nel primario interesse per l’utenza e quindi anche per gli operatori privati e della pubblica amministrazione coinvolti, AGCI Sicilia esorta il governo regionale - per le prossime programmazioni -, a rendere pluriennali, più celeri, puntuali, partecipate e semplificate le procedure di messa a bando, progettazione, erogazione, monitoraggio, valutazione, espletamento esami, svincolo polizze e rendicontazione delle attività, sempre alla ricerca del confronto costruttivo con le Istituzioni. Allo stesso tempo, AGCI Sicilia chiede all’amministrazione regionale che venga compiuto ogni sforzo, a partire dalla proroga della chiusura della Ragioneria presso l’Assessorato competente fino al 23 dicembre, al fine di completare in tempo utile tutte le procedure necessarie ed erogare le somme spettanti entro il corrente esercizio finanziario, scongiurando il rischio di ulteriori ritardi causati dal ricadere in quello provvisorio".

 

Credito alla cooperazione: approvato bilancio Ircac 2023, utile di 18,8 mln

Il Cda dell'Ircac, presieduto da Vitalba Vaccaro, alla presenza del neo nominato direttore generale facente funzioni Pietro Tortorici e del collegio sindacale, ha deliberato all'unanimità il bilancio dell'esercizio finanziario anno 2023 dell'Ircac, chiuso con un utile di 18.825.064 euro. "Tale utile di bilancio, in parte determinato dagli esiti vittoriosi di alcuni giudizi tributari innanzi la Suprema Corte di Cassazione - spiega in una nota l'Istituto - conferma il ruolo centrale e la posizione sana e vitale dell'Ircac nel panorama del credito... Continua

Ccnl lavoratori cooperative sociali: le nuove tabelle ministeriali con il costo orario medio

Marina Calderone, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Cooperative sociali. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, in data 14 giugno 2024, il Decreto n. 30/2024, concernente la determinazione del costo medio orario del lavoro per i lavoratori delle cooperative del settore socio-sanitario-assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo, a seguito di rinnovo del CCNL, con decorrenza dai mesi di febbraio 2024, ottobre 2024, gennaio 2025, settembre 2025, ottobre 2025 e gennaio 2026. Il costo del lavoro è suscettibile di oscillazioni in relazione: a) ad eventuali benefici previsti da... Continua

Siccità, pubblicato bando da 10 milioni per il "voucher foraggi" e per l'albo fornitori

Pubblicato il decreto regionale che dà il via all'assegnazione dei "voucher foraggi" per gli allevatori siciliani e alla formazione di un albo fornitori. Dopo l'approvazione in Commissione Attività produttive dell'Ars si passa adesso alla fase attuativa del provvedimento voluto dal presidente della Regione Siciliana Renato Schifani, che stanzia 10 milioni di euro per fronteggiare i danni causati al settore dalla carenza idrica.  Il contributo sarà erogato, sino a esaurimento delle risorse, attraverso l’emissione di un “buono” utilizzabile per l'acquisto di foraggi presso fornitori... Continua