Editoria, sottosegretario Giuseppe Moles e direttore dipartimento Ferruccio Sepe 

Per Alleanza delle Cooperative Italiane Comunicazione, sigla congiunta di settore di AGCI, Confcooperative e Legacoop: “È importante difendere il pluralismo dell’informazione, sostenere le piccole e medie imprese, come le cooperative che operano nel settore della cultura e dell’editoria, per tutelare la libertà d’informazione quale componente imprescindibile di una partecipazione democratica effettiva ed efficiente”

Editoria ed agenzie stampa come bene primario della democrazia. E’ questo il focus su cui si è concentrato particolarmente ieri mattina il sottosegretario Giuseppe Moles insieme al capo del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, Ferruccio Sepe, durante la presentazione dello studio dedicato al “Sostegno all’editoria nei principali Paesi d’Europa”, elaborato dallo stesso Dipartimento.

Giovanna Barni (Legacoop), Irene Bongiovanni (Confcooperative), Eugenio Fusignani (AGCI), rispettivamente presidente e copresidenti di Alleanza delle Cooperative Comunicazione, hanno presenziato alla presentazione dello studio, esprimendo grande apprezzamento per l’iniziativa del Dipartimento e del sottosegretario Giuseppe Moles, che ha posto quelle premesse di conoscenza che devono essere alla base di ogni vero intervento riformatore.

“Si è trattato di un incontro molto interessante”, dichiara Giovanna Barni. “In attesa di poter partecipare ai confronti annunciati dal Sottosegretario su tutti i temi per il futuro dell’editoria, in un contesto che oggi è notevolmente mutato e che, anche a causa della pandemia, vede rivalutato il ruolo dell’informazione e il sostegno pubblico all’editoria, abbiamo sottoposto all’attenzione del Sottosegretario all’Editoria Giuseppe Moles, le difficoltà che le cooperative editoriali e no profit si trovano a fronteggiare in questa delicata congiuntura economia, anche a causa dell’impennata del costo della carta e degli effetti negativi sul settore legati al perdurare della pandemia. Effetti che saranno ancor più dirompenti proprio nel 2022 in assenza di interventi specifici e mirati rivolti alle cooperative editoriali.  Riteniamo perciò assolutamente indispensabile riproporre la clausola di salvaguardia (che prende come base di riferimento il contributo del 2019) anche per il 2022”.

“Il pluralismo dell’informazione è una garanzia essenziale per la democrazia e per l’informazione diretta di tutti i cittadini”, commenta Irene Bongiovanni. “Non possiamo che rilevare un atteggiamento positivo del Governo su queste tematiche. Siamo convinti che i confronti che verranno avviati porteranno a risultati positivi e importanti per il settore. Questo tempo più che mai ci ha insegnato quanto sia essenziale un’informazione plurale, differenziata, complementare. La cooperazione ne è un fulcro essenziale e dunque siamo pronti a portare il nostro contributo, come sempre abbiamo fatto, con proposte concrete, serie e di prospettiva per tutta la filiera che rappresentiamo.

“Leggendo attentamente questo studio comparativo”, afferma Eugenio Fusignani, presidente AGCI Culturalia “c’è subito un dato che balza agli occhi: i Paesi tradizionalmente considerati esempi di conclamata democrazia, i Paesi del Nord Europa, sono quelli che investono di più in contributi diretti e indiretti a sostegno del sistema dell’informazione. Più sono presenti e valorizzate voci diverse, tanto più l’individuo si sentirà rappresentato, coinvolto e sicuramente parte integrante di una comunità”.

“Si evince, inoltre”, continua Fusignani sul tema dell’informazione di prossimità, “che più le imprese sono piccole, localizzate territorialmente, portatrici di idee, opinioni differenti da quelle generali e più il sostegno pubblico le renderà libere dai condizionamenti economici privati e persino pubblici. La libertà d’informazione è direttamente proporzionale alla quantità di risorse pubbliche investite. Senza tutto ciò cadrebbe il principio di pluralismo e, dunque, il principio stesso di libertà, privilegiando una cultura caratterizzata dall’omologazione a sfavore dell’informazione locale. Cultura e cooperazione sono un binomio indissolubile, rappresentano la base del pluralismo che ha il suo reale vivaio nei territori, dove le buone pratiche si sviluppano facendo nascere le voci vere, anche e soprattutto quelle editoriali”.

 

Furto di vino cantine Colomba Bianca, Cappadona: “Attraverso il presidente Dino Taschetta la massima solidarietà AGCI a tutti i cooperatori”

  “Apprendiamo di un nuovo furto a Campobello di Mazara ad una delle cantine associate Colomba Bianca, eccellenza tra i produttori di vino in Sicilia. Un gesto criminoso che ci rattrista. Voglio manifestare, attraverso il presidente Dino Taschetta, la mia personale vicinanza e solidarietà ai cooperatori colpiti”, dichiara Michele Cappadona, presidente Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia. Furto di vino, la notte scorsa, nella sede di produzione della cantina “Colomba Bianca” in via Selinunte a Campobello di Mazara. Ignoti si sono... Continua

Fondo imprese creative, al via le domande online sul sito Invitalia

Al via a giugno il Fondo imprese creative, l’incentivo nazionale che finanzia i progetti nel settore culturale e creativo proposti da micro, piccole e medie imprese, nuove o già avviate. Il Fondo è promosso dal Ministero dello Sviluppo economico, insieme al Ministero della Cultura. La gestione è affidata a Invitalia. La dotazione finanziaria è di 26,8 milioni di euro.La misura favorisce gli investimenti fino a 500.000 euro in attività culturali e artistiche, anche relativi al settore audiovisivo (tv, cinema e contenuti... Continua

Incentivi alle imprese, Invitalia apre sportello in convenzione con Città Metropolitana di Palermo. Per le cooperative attivi dal 2018 gli sportelli AGCI Palermo, Catania e Messina

La finalità dello Sportello è quella di accompagnare gli utenti alla realizzazione di nuove idee progettuali che valorizzano il tessuto imprenditoriale e culturale del territorio metropolitano. "Solo per fare un esempio, Resto al Sud in 4 anni ha significato, 390 milioni di investimenti Invitalia che hanno generato 993 milioni direttamente attraverso il reddito delle imprese. Queste misure promuovono la riduzione dei sussidi di disoccupazione, il gettito fiscale per il lavoro dipendente e il reddito di impresa", ha sottolineato Domenico Arcuri Amministratore... Continua