Antonio Scavone Michele Cappadona

Cappadona: “Bene scelta di migliorare la qualità dell’assistenza, attribuendo maggiori risorse per le strutture del privato sociale che accolgono donne in condizioni di disagio, in gravidanza e con bambini”.

L’assessore regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, Antonio Scavone, ha firmato il decreto con cui autorizza l’aumento della retta per le case di accoglienza per gestanti e donne con figli, adeguandola alle esigenze emerse nel gruppo di lavoro istituito in assessorato con i rappresentati del Terzo settore.
La retta è stata determinata in 73 euro al giorno e per ogni ospite, a cui è aggiunta l’Iva se dovuta. Va inoltre sommato il costo pro-quota per l’affitto dell’immobile, ricavato dal costo dell’affitto mensile secondo l’ultima tabella dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.
 
«Abbiamo ritenuto di rideterminare la tariffa per superare le criticità emerse, fornendo una risposta rapida e adeguata rispetto alle difficoltà lamentate dagli enti gestori - afferma Scavone - e sgombrando il campo da qualsiasi tentativo di strumentalizzazione. L’obiettivo del governo regionale è fare in modo che dalle strutture vengano rispettati gli standard qualitativi idonei al delicato compito svolto».
 
La retta va intesa come quota minima per garantire la sostenibilità del servizio. I Comuni, in base ai servizi offerti dall’ente gestore e alla situazione territoriale, ma anche ai progetti di accoglienza redatti per ciascuna persona, possono coprire con fondi propri ulteriori costi, in aggiunta a quelli individuati dalla Regione, per migliorare ulteriormente la qualità del servizio residenziale offerto.

“Soddisfazione per il decreto con cui, ieri sera, l’assessore Scavone ha stabilito le Rette relative Casa di accoglienza per gestanti e donne con figli”, dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative-AGCI Sicilia. “È un intervento che fa seguito e agisce in coerenza con le istanze da me rappresentate personalmente all’assessore Antonio Scavone, durante l’incontro in merito lo scorso novembre, e con quanto delineato dalla delegazione provinciale della nostra centrale cooperativa ricevuta lo scorso gennaio, di cui hanno fatto parte Francesco Sprio, presidente AGCI Palermo, e Mirco Oliveri, responsabile Settore Comunità minori e donne a rischio AGCI Palermo. Invitiamo pertanto tutte le Amministrazioni Comunali a stipulare le nuove convenzioni con le cooperative sociali, e di adeguare alle nuove tariffe quelle già esistenti.
È in atto una grave emergenza in questo momento con il Comune di Palermo, essendo diventato insostenibile il già cronico lungo e ingiustificato ritardo nell’erogazione delle rette mensili maturate dalle strutture di assistenza del privato sociale, esacerbato ora dal blocco dei pagamenti imposto dal Comune a causa del Piano di risanamento.
Le cooperative sociali, loro malgrado e con enorme dispiacere, hanno dichiarato di essere costrette a richiedere al Tribunale per i Minorenni di Palermo e ai Servizi Sociali territoriali lo spostamento degli ospiti presso altre strutture, al fine di poter programmare i licenziamenti collettivi del personale entro 30 giorni. Le strutture di assistenza hanno chiesto a questo scopo l’apertura di un tavolo di crisi al Prefetto di Palermo Giuseppe Forlani.
Le Comunità di Accoglienza chiedono inoltre che la Regione versi i fondi ai Comuni. vincolandoli anche alla luce del DL 19.05.2020 n. 34, art. 89, c. 2 bis, in cui tali servizi sono considerati pubblici ed essenziali.
Apprezziamo la volontà di mantenere alto il livello di ascolto verso le cooperative sociali da parte dell’assessorato regionale alle Politiche sociali, il cui ruolo di vigilanza e controllo sulla gestione del sistema dei servizi sociali territoriali riteniamo fondamentale”.

 

Siccità Sicilia. Cartabellotta emana la prima ordinanza di semplificazione per superare crisi ed emergenza idrica

Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta

Interventi di contrasto alla siccità, emanate le prime norme per snellire le procedure. Il commissario per l’emergenza idrica in agricoltura e zootecnia, Dario Cartabellotta ha firmato la sua prima ordinanza che mira a semplificare l'iter burocratico per le aziende, consentendo loro di accedere più facilmente alle risorse idriche necessarie alle attività produttive, nel rispetto dell’ambiente. Più precisamente, l’ordinanza commissariale n. 1 del 10 aprile 2024 deroga, per il periodo necessario al superamento della criticità idrica, alle prescrizioni contenute nel decreto del... Continua

Impianti sportivi, Comune di Palermo approva progetto PRUSST Telimar. Due nuove piscine per il nuoto di ogni età e attività agonistiche internazionali

Dopo 18 anni il Consiglio Comunale di Palermo approva il progetto definitivo di potenziamento del TELIMAR, che prevede nell’area di proprietà della struttura di sport nautici dell’Addaura la realizzazione di una piscina semi-olimpionica da 25 metri x 16,5 ed un’altra vasca di ambientamento da 6 metri x 16.5. Obiettivo è promuovere gli sport del nuoto nel territorio cittadino, organizzando corsi gratuiti a favore di bambini, di anziani e di soggetti diversamente abili, potenziare l’attività agonistica nazionale ed internazionale e avviare iniziative... Continua

Ocm vino 2024-2025, 8 milioni di euro a bando, contributi fino al 50% per investimenti delle cantine siciliane

Aiuti destinati a micro, piccole e medie imprese che producono vino: sono circa 300 le cantine siciliane potenzialmente interessate agli aiuti, secondo il dipartimento regionale Agricoltura. Pubblicato sul sito istituzionale della Regione Siciliana il bando della campagna 2024-2025 per le imprese del settore vinicolo. La dotazione finanziaria è di 8 milioni di euro, a valere sulle risorse comunitarie. L'aiuto massimo previsto è pari al 50% dei costi d'investimento ammissibili rispetto al progetto approvato. «Bene l’avviso per i contributi alle cantine siciliane» -... Continua