invitalia 2022

La finalità dello Sportello è quella di accompagnare gli utenti alla realizzazione di nuove idee progettuali che valorizzano il tessuto imprenditoriale e culturale del territorio metropolitano.

"Solo per fare un esempio, Resto al Sud in 4 anni ha significato, 390 milioni di investimenti Invitalia che hanno generato 993 milioni direttamente attraverso il reddito delle imprese. Queste misure promuovono la riduzione dei sussidi di disoccupazione, il gettito fiscale per il lavoro dipendente e il reddito di impresa", ha sottolineato Domenico Arcuri Amministratore delegato Invitalia.

Attraverso gli sportelli Invitalia, come quello appena avviato in convenzione con la Città Metropolitana, si vuole rafforzare il sistema delle attività produttive già esistente sull'intero territorio e sostenere la nascita e lo sviluppo di nuove realtà imprenditoriali.

michele cappadona 4 ter“Da oltre quattro anni AGCI Sicilia, ente accreditato Invitalia, assicura consulenza specifica su incentivi e servizi alle imprese cooperative fornendo, attraverso professionisti di consolidata esperienza, assistenza gratuita per preparare il progetto imprenditoriale e la richiesta di finanziamento”, dice Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia. “Il servizio su scala regionale viene assicurato nelle tre sedi AGCI delle Città Metropolitane siciliane di Palermo, Catania e Messina. Oltre l’assistenza gratuita agli aspiranti imprenditori sui servizi Invitalia, l’AGCI fornisce ogni tipo di consulenza alle cooperative sia per startup che per ogni altra forma di agevolazione di innovazione e sviluppo. Gli incontri con i consulenti possono svolgersi in presenza o in collegamento telematico. Per appuntamento basta prenotarsi alla Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.”.

A testimoniare l’efficacia del sistema Invitalia, sono state 4.985 le imprese nuove o costituite da meno di un anno che hanno presentato lo scorso 19 maggio, giorno di apertura dello sportello, domanda per il Fondo Impresa Femminile, l’incentivo del Ministero dello sviluppo economico e gestito da invitalia che sostiene la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese guidate da donne. Il rilevante numero di domande inviate già nel corso del primo giorno di apertura ha determinato la chiusura dello sportello.

“Sono molto soddisfatto della risposta a questa prima fase per incentivare lo sviluppo dell’imprenditoria femminile”, ha dichiarato il ministro Giancarlo Giorgetti. “L’enorme numero di richieste arrivate - ha proseguito - è la migliore prova dell’interesse per questa misura. Vedremo le prossime fasi e, se questo trend sarà confermato come crediamo, chiederemo ulteriori finanziamenti. Nostro obiettivo è far crescere le buone idee per fare impresa, che è un mestiere bellissimo che vogliamo valorizzare”.

"Per garantire la creazione e il successo di un'impresa - ha spiegato l'amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri - non servono solo le idee e il talento. Non servono nemmeno soltanto i soldi, che per una buona causa in qualche modo è possibile trovare. Ma allora, cosa serve? A mio avviso sono importanti 5 elementi: primo fra tutti, una catena corta, si deve essere il più possibile vicini ai luoghi da cui ci si approvvigiona e in cui si vende; secondo, la valorizzazione delle potenzialità e delle opportunità del territorio; terzo, stare dentro un sistema strutturato: essere un pezzo di un sistema più grande dove si impara, si dialoga e ci si sente parte; quarto, serve certamente tanta tenacia, e in Italia anche tanta pazienza; infine, è fondamentale e imprescindibile, rispettare il tempo. Capire che il tempo non è una variabile indipendente: la competitività degli individui, dei sistemi e delle nazioni oggi si misura con la loro capacità di usare virtuosamente il tempo. Il rispetto del tempo - ha concluso Arcuri - è necessario al successo di un'impresa".

Lo sportello di orientamento inaugurato martedì scorso, frutto di un protocollo di intesa, ha sede presso l'ex Palazzo delle Ferrovie di via Roma a Palermo, dove personale opportunamente formato accoglie e risponde alle richieste di coloro che hanno necessità di acquisire informazioni corrette e approfondite sul portfolio degli incentivi e dei servizi di Invitalia.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il TeLiMar Palermo si impone di misura 9-8 contro la De Akker di Bologna

Il TeLiMar pallanuoto espugna la Longo di Bologna: contro la De Akker finisce 9-8

Marcello Giliberti, presidente TeLiMar: «Al termine di un match durissimo portiamo a casa questi meritatissimi tre punti, che ci lanciano al quarto posto in classifica». Conquista tre punti fondamentali il TeLiMar nella prima giornata del round Scudetto di A1. Alla piscina Carmen Longo di Bologna, contro la De Akker finisce 9-8 un match molto fisico e inizialmente equilibrato. I padroni di casa provano lo strappo nel secondo tempo. Un leggero calo dei felsinei, ma soprattutto la reazione del Club dell’Addaura permettono... Continua

Minacce di morte al senatore messinese Germanà, solidarietà AGCI Sicilia

Il senatore Nino Germanà

«Nell’apprendere delle minacce di morte indirizzate via social media al senatore Nino Germanà per il suo impegno politico in favore della realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina - dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane - manifesto il mio personale sdegno e la piena solidarietà a nome di AGCI Sicilia. Siamo certi che il senatore Germanà non si farà intimidire da questo e da analoghi vili attacchi, respinti dall’interessato e dall’intera società civile. Auspichiamo anzi un sempre... Continua

Pesca e acquacoltura. Basciano, AGCI: «Settore in gravi difficoltà, governo Sicilia approva 116 mln programma Feampa, associazioni non consultate»

Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa)

Annunciato l’inizio dell’operatività in Sicilia del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa), che comprende una serie di interventi per il settore, in parte gestiti centralmente dal ministero (MASAF) ed in parte dalle regioni. Il ministero tra l’altro gestirà il ritiro definitivo di chi deciderà di rottamare l’imbarcazione e consegnare la licenza di pesca. Sostenere l’economia blu e stimolare attività di pesca e acquacoltura innovative e sostenibili sono alcuni degli obiettivi del Programma nazionale del Feampa 2021-2027... Continua