Francesco Sprio Giovanni Basciano

Il Consiglio di Presidenza dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane, AGCI Sicilia, nella riunione del 13 luglio scorso ha eletto vicepresidenti regionali Franco Sprio (vicario) e Giovanni Basciano, dirigenti di lungo corso della centrale cooperativa.

Le nuove cariche sono state deliberate all’unanimità su proposta del presidente Michele Cappadona, che ha voluto da un lato consolidare l’organismo di vertice in un momento di crescita dell’Associazione ma anche di grande criticità per le imprese, dall’altro dare un riconoscimento formale a dirigenti da sempre impegnati attivamente a tutela delle cooperative aderenti.

«In questi ultimi anni di grave difficoltà», ha commentato il neo vicepresidente vicario Francesco Sprio, «AGCI Sicilia ha moltiplicato il suo impegno verso le cooperative, intensificando il suo ruolo di tutela verso le imprese e di relazione con le istituzioni, le amministrazioni pubbliche e gli interlocutori politici regionali e locali. I nostri sforzi hanno ottenuto risultati tangibili, anche legislativi, che vanno dall’estensione del credito di esercizio IRCAC da 24 a 60 mesi, alla istituzione delle mini strutture di assistenza residenziale Star fino a 8 utenti, alla mobilitazione per la prima volta di tutte le imprese sociali e associazioni del Terzo Settore che forniscono servizi di assistenza per le categorie più fragili al Comune di Palermo, alla istituzione degli incubatori di imprese culturali e creative riconosciuti dalla Regione. Una delle nostre battaglie, che combattiamo da anni e per la quale continueremo a combattere, è la riduzione del costo revisionale delle società cooperative. Nell’assumere il mio nuovo ruolo, trovo doveroso ringraziare il presidente Michele Cappadona non solo per la fiducia a me dimostrata, ma per le politiche fin qui perseguite dall’Associazione sotto la sua guida, con costante determinazione.»

«Ritengo che il difficile momento internazionale, aggravato dalle incertezze politiche nazionali ben note, chiami tutti noi alla massima responsabilità nei confronti dell’importante ed esteso sistema cooperativo di AGCI Sicilia», ha dichiarato il vicepresidente Giovanni Basciano. «Dal settore agroalimentare, alla logistica, alla produzione e lavoro, al sociale: oggi più che mai occorre “stare sul pezzo” dando il massimo di assistenza alle nostre imprese associate e, laddove possibile, contribuendo al loro sviluppo ed alla affermazione dell’importanza del lavoro cooperativo. Sono le ragioni che mi hanno indotto ad accettare quest’altro impegnativo incarico che la presidenza regionale ha voluto affidarmi, e ringrazio il Presidente Cappadona per la fiducia accordata».

Cordoglio AGCI Sicilia per la scomparsa di Riccardo Savona, punto di riferimento della politica siciliana

“Apprendiamo con grande tristezza e commozione della scomparsa dell’onorevole Riccardo Savona, presidente della Commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana, che ha saputo guidare a lungo con riconosciuto equilibrio e profonda competenza”, esprime Michele Cappadona, presidente dell’Associazione generale delle cooperative italiane-AGCI Sicilia. “Abbiamo avuto modo di apprezzare la grande disponibilità all’ascolto, l’impegno e la dedizione che il presidente Savona ha profuso nell’espletare i suoi delicati compiti  istituzionali”, dichiara Franco Sprio, vicepresidente AGCI Sicilia. “Con la sua scomparsa viene meno un grande punto di... Continua

Imprese, voucher fino a 5250 euro da Camera di Commercio Palermo Enna. 230mila euro per le micro e Pmi che investono nel digitale

  Domande in modalità telematica tramite la piattaforma Web Telemaco a partire dalle ore 10 del 13 settembre prossimo fino alle 12 del 23 settembre. Per le imprese che investono nel digitale la Camera di Commercio di Palermo ed Enna mette a disposizione 230 mila euro per coprire le spese di servizi di consulenza, formazione e per l’acquisto di beni e servizi, incentrati sulle tecnologie previste dal “Bando voucher digitali I4.0 anno 2022 – Misura B”, pubblicato anche quest’anno, punto cardine... Continua

Parco eolico nel mare dello Stretto di Sicilia. Agci Agrital: “Sì a transizione ecologica ma non a danno delle attività di pesca”

  L’Università di Palermo ha ospitato il convegno "Floating Offshore Wind: un’opportunità per la transizione ecologica in Sicilia?" in cui si è affrontato il tema del parco eolico offshore proposto in Sicilia, a 60 km dalle coste, tra quelle siciliane e tunisine, composto da 190 turbine galleggianti, per una capacità totale di 2,9 GW. Il convegno che si è svolto presso la Sala Lanza dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, è stato promosso dall’ambasciata di Danimarca, Paese che ha realizzato importanti impianti nel... Continua