L’anno nuovo si apre con tre diversi interventi di sostegno regionale al settore agricolo, che vanno dal rafforzamento delle coltivazioni biologiche, a misure d’aiuto per zone che presentano svantaggi naturali (tra cui quelle montane) o d’altro tipo, e “progetti di filiera”, per rendere le aziende più competitive.

Quasi 240 milioni di euro di risorse Pac 2023-2027 sono stati destinati dalla Regione con due avvisi diversi agli agricoltori biologici e a quelli che operano in aree svantaggiate dell'Isola. II sostegno sarà concesso su base annua sotto forma di importo a superficie (€/ettaro) in funzione delle tipologie produttive.

Michele Cappadona, presifdente AGCI Sicilia«Agricoltura, il nuovo anno inizia con interventi specifici su tre importanti asset di settore - dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane-AGCI Sicilia -. Il supporto al settore del biologico rientra tra le linee strategiche perseguite da sempre e con convinto impegno dalla nostra Centrale cooperativa. La Sicilia deve investire in produzioni di qualità e in metodi agricoli volti a produrre alimenti con sostanze e processi naturali.
La seconda iniziativa, da noi pienamente condivisa, appartiene alla linea strategica del sostegno a tutte le possibili misure per le aree svantaggiate, come tipicamente le aree interne e montane, a partire dalla fiscalità di vantaggio, oppure come in questo caso, con misure dirette proporzionate alle superfici dedicate alla produzione reale.
Anche il terzo intervento rientra tra le finalità condivise da AGCI. I Progetti integrati di filiera sostengono infatti le reti di imprese, le cooperative agricole e i loro consorzi, favorendo i processi aggregativi per dare maggiore competitività alle aziende siciliane. Auspichiamo - conclude Cappadona - si continui con una sempre maggiore sintonia sintonia con le associazioni di categoria, che assicuri un costante ascolto delle criticità che subiscono i produttori e le filiere di trasformazione e commercializzazione».

Biologico. Il primo bando fa riferimento all’Azione SRA 29.2 “Mantenimento dell’agricoltura biologica“ con una dotazione finanziaria di 190 milioni in 5 anni ed è finalizzato a incoraggiare gli agricoltori ad adottare e mantenere pratiche e metodi di produzione biologica. L’applicazione del metodo di produzione di agricoltura biologica di cui al Reg. UE 2018/848 e relativi regolamenti attuativi riguardanti la produzione
biologica e l'etichettatura dei prodotti biologici, dovrà essere garantita dal beneficiario su tutta la superficie indicata nella domanda di sostegno e per l’intera durata del periodo d'impegno.
I richiedenti dovranno presentare le domande di sostegno/pagamento telematicamente, utilizzando il sistema reso disponibile sul sito del portale SIAN, ovvero mediante i tecnici agricoli abilitati in esecuzione delle convenzioni stipulate con l'Amministrazione regionale, entro il termine stabilito da apposite circolari Agea e regionali. LINK

Vincoli naturali e aree svantaggiate (ANC 71). Il secondo avviso ha un plafond di circa 50 milioni e riguarda un gruppo di interventi che mirano a mantenere le attività agricole e zootecniche in aree ricadenti in zone montane o sottoposte a vincoli di vario genere.
Per gli aspetti applicativi il bando rimanda alle disposizioni del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e Foreste (Masaf) e alle Istruzioni operative OP AGEA per l’anno 2024. LINK

Progetti di filiera tra aziende agricole. L’obiettivo del terzo intervento è fare rete per rendere le aziende più competitive. La manifestazione di interesse indetta dal dipartimento regionale è destinata all'individuazione di Progetti integrati di filiera, i cosiddetti Pif. L'avviso è rivolto alle reti di imprese, alle cooperative agricole e ai loro consorzi, alle imprese di trasformazione e commercializzazione e ai partenariati tra aziende. Le proposte vanno presentate entro il 29 febbraio.
La manifestazione d’interesse è finalizzata a individuare gli interventi e la relativa dotazione finanziaria, da mettere a bando con successivo provvedimento. LINK

 

Minacce di morte al senatore messinese Germanà, solidarietà AGCI Sicilia

Il senatore Nino Germanà

«Nell’apprendere delle minacce di morte indirizzate via social media al senatore Nino Germanà per il suo impegno politico in favore della realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina - dichiara Michele Cappadona, presidente dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane - manifesto il mio personale sdegno e la piena solidarietà a nome di AGCI Sicilia. Siamo certi che il senatore Germanà non si farà intimidire da questo e da analoghi vili attacchi, respinti dall’interessato e dall’intera società civile. Auspichiamo anzi un sempre... Continua

Pesca e acquacoltura. Basciano, AGCI: «Settore in gravi difficoltà, governo Sicilia approva 116 mln programma Feampa, associazioni non consultate»

Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa)

Annunciato l’inizio dell’operatività in Sicilia del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi, la Pesca e l’Acquacoltura 2021-2027 (Feampa), che comprende una serie di interventi per il settore, in parte gestiti centralmente dal ministero (MASAF) ed in parte dalle regioni. Il ministero tra l’altro gestirà il ritiro definitivo di chi deciderà di rottamare l’imbarcazione e consegnare la licenza di pesca. Sostenere l’economia blu e stimolare attività di pesca e acquacoltura innovative e sostenibili sono alcuni degli obiettivi del Programma nazionale del Feampa 2021-2027... Continua

Acli Sicilia: Agata Aiello confermata presidente. Buon lavoro da Agci Sicilia

Agata Aiello, presidente Acli Sicilia

Agata Aiello è stata riconfermata alla guida delle Acli Sicilia, nel corso della riunione dal Consiglio regionale che si è tenuta ieri a Caltanissetta. Laureata in Scienze della Formazione all’Università di Catania, originaria di Misterbianco, Agata Aiello inizia la sua esperienza nelle Acli di Catania nel 2008, nel corso del Servizio Civile Nazionale. Prosegue ricoprendo il ruolo di responsabile provinciale dello Sviluppo associativo poi dal 2016 al 2020 di presidente di Acli Catania e vice presidente regionale di Acli Sicilia. Dal... Continua